L’Arte di Vivere

La felicità che ha origine da cause secondarie, non è mai molto profonda. È solamente un pallido riflesso della gioia dell’Essere, della pace vibrante che trovate in voi, quando entrate in uno stato di non resistenza.

Non offrire resistenza alla vita

è vivere in uno stato di grazia, che è facile e leggero. Questo stato non dipende più dal fatto che le cose siano o non siano in un certo modo, che vadano bene oppure no. Sembra quasi paradossale che quando la vostra dipendenza interiore dalla forma si è dissolta, da tutti i modelli e programmi, dalle condizioni generali della vostra vita, le forme esterne, di come viene recepito l’univeros tendono a migliorare incredibilmente.

Cose, persone oppure condizioni delle quali pensavate di aver bisogno per essere felici, ora vi arrivano senza nessuno sforzo e senza nessuna lotta da parte vostra, e voi siete liberi di apprezzarle e di goderle fino a che durano.

Naturalmente, tutte queste cose scompariranno comunque: i cicli cominceranno e finiranno, ma non vi sarà più paura di perdere, perché la dipendenza è scomparsa. E la vita fluirà facilmente.

La felicità che ha origine da cause secondarie, non è mai molto profonda. È solamente un pallido riflesso della gioia dell’Essere, della pace vibrante che trovate in voi, quando entrate in uno stato di non resistenza. L’Essere vi porta oltre la polarità degli opposti della mente liberandovi dalla dipendenza della forma.

Anche se ogni cosa dovesse distruggersi e se tutto dovesse crollare intorno a voi, sentireste comunque interiormente un profondo senso di pace. Può darsi che non sarete felici ma sarete in pace.

(Wayne modificato by Francesco Ciani )