Cancro, disbiosi e cure naturali

eliminare le otturazioni in amalgama, togliere ogni frammento residuo di amalgama di mercurio rimasto incastonato nell’osso mascellare (eventualmente con l’aiuto di un potente magnete), risolvere eventuali problemi di infezione dell’osso (cavitazioni), debellare i parassiti, eliminare ogni possibile fattore di contaminazione ambientale, disintossicare l’organismo e adottare una dieta specifica.

Personalmente non ritengo che si possa attribuire l’insorgenza del cancro ad un’unica causa, e quanto scritto nel libro “I pilastri della salute e la rete di interconnessioni” dovrebbe far capire che, sebbene un grosso trauma psichico (specie se non viene stemperato dalla condivisione del dolore con amici e parenti) possa essere all’origine di un tumore, non è detto che quella sia l’unica causa:

disbiosi, parassitosi, focus dentali, intossicazione da metalli pesanti ed altri veleni, possono essere tutti fattori che contribuiscono alla genesi della malattia. Lo stesso si può dire del rapporto tra disbiosi/candidosi e cancro: il nesso causale può esserci, ma non è detto che sia quella l’unica causa.
Conosco personalmente chi ha provato a curare le persone a sé più care intervenendo solo sul fattore psichico ottenendo un fallimento totale (col senno di poi si è scoperto che i focus dentali erano molto probabilmente parte del problema), ma sono a conoscenza altresì di persone che grazie a quell’approccio sono guarite (in tal caso il trauma psichico era di gran lunga l’aspetto preponderante del problema).
L'immagine può contenere: cibo
Lo stesso dicasi di chi ha cercato di affrontare il cancro solo con l’alimentazione e lo stile di vita (dieta tendenzialmente crudista, pulizia dell’intestino coi clisteri, etc.) e che non sono riusciti ad ottenere il risultato sperato fino a quando non hanno affrontato la bonifica dei focus dentali.
Altro esempio potrebbe essere il caso recente della fotomodella Candice, guarita dal cancro mangiando solo cibi crudi (e quindi anche frutta in quantità) che oltre ad adottare un cambiamento dietetico si è separata dal marito (evidentemente quel rapporto non idilliaco aveva il suo peso sulla psiche della giovane donna).
La dottoressa Clark, non a caso, nei suoi libri “La cura di tutte le malattie” e “La cura di tutti i cancri avanzati” (libri pieni di informazioni interessanti, anche se non ne condivido alcuni suggerimenti dietetici) afferma che bisogna agire a 360 gradi:
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
eliminare le otturazioni in amalgama, togliere ogni frammento residuo di amalgama di mercurio rimasto incastonato nell’osso mascellare (eventualmente con l’aiuto di un potente magnete), risolvere eventuali problemi di infezione dell’osso (cavitazioni), debellare i parassiti, eliminare ogni possibile fattore di contaminazione ambientale, disintossicare l’organismo e adottare una dieta specifica.
Io aggiungerei che potrebbe essere utile fare la neural-terapia a tutte le possibili cicatrici e intervenire anche sulle possibili cause psicologiche della malattia. Se in qualche caso dimenticare uno dei possibili cofattori può essere irrilevante, in certi casi purtroppo non lo è.
973 Entrambi editi dalla Macro Edizioni.