La stipsi, l’emorroidi ed i carboidrati insulinici

Nel regno animale non troverete mai degli animali che non riescono a defecare, anche perché se così fosse, senza lassativi morirebbero. Al contrario noi umani troviamo, piuttosto normale, soffrire di tale patologia

Le funzioni corporee dovrebbero essere l’ultimo dei nostri problemi.

Il corpo umano è stato progettato dall’evoluzione, in modo da non dipendere dalle nostre azioni volontarie, in una specie di automatismo. Difatti in genere, non pensiamo a quando dobbiamo mangiare, perché sarà il nostro corpo ad avvertirci tramite lo stimolo della fame.

Lo stesso vale per la sete, per il sonno e per eliminare le scorie dal nostro organismo. Certo non ci sforziamo per andare a fare pipì, perché è uno stimolo naturale che si presenta al momento giusto (quando la vescica è piena).

Immagine correlata

Sarebbe per noi impossibile urinare se non avessimo lo stimolo. Anche la defecazione è un’azione naturale stimolata, quando serve, dal nostro corpo.

Ma al contrario, oggi la popolazione ha sempre più difficoltà nella defecazione (stipsi), sforzandosi nella funzione corporea, quando invece dovrebbe risultare la più naturale delle funzioni umane.

Nel regno animale non troverete mai degli animali che non riescono a defecare, anche perché se così fosse, senza lassativi morirebbero. Al contrario noi umani troviamo, piuttosto normale, soffrire di tale patologia. Siamo abituati a prendere lassativi, erbe miracolose o come suggeriscono i medici “di mangiare più fibre”.

Risultati immagini per stitichezza

La domanda che ci dovremmo porre è la seguente:
Perché a volte le feci sono dure come sassi e abbiamo difficoltà ad espellerle?
Possibile che l’evoluzione non abbia trovato un modo per risolvere lo scomodo e banale problema?

Le risposte sono sempre le stesse: il consumo di carboidrati ha creato un problema nuovo che l’evoluzione non aveva previsto. Vi ricorderete che l’assunzione di amidi e zuccheri causa ritenzione idrica, dovuta al sale trattenuto dall’aldosterone (l’insulina lo utilizza per obbligare le cellule a prendere il glucosio).

Risultati immagini per stitichezza

L’evoluzione non aveva previsto questa forte necessità di ritenzione idrica e quindi non ha predisposto dei campanelli di allarme (senso della sete) per stimolarci a bere più acqua.

Quando il sale finisce nel sangue e nella matrice extracellulare necessita di acqua e quindi non avendo bevuto, la trattiene dal chimo alimentare (nell’intestino cieco) durante la formazione delle feci, che ovviamente saranno meno idratate e più dure. Lo stesso effetto lo riscontriamo per l’urina, che risulterà meno abbondante e più gialla.

Al contrario un’alimentazione a base di proteine, grassi e vegetali, ci permetterà di ritornare a delle funzioni corporee regolari e naturali.

Immagine correlata

Una delle conseguenze dirette della stipsi è la malattia emorroidaria, alla quale si aggiunge un altro fattore scatenante, ovvero l’infiammazione delle emorroidi (cuscinetto di tessuto vascolarizzato). Tale tessuto, ad alto contenuto di fibre elastiche, è anche molto ricco di capillari e la sua elasticità permette di assolvere il compito di tenere chiuso l’ano.

L’infiammazione di questo tessuto, aumenta esponenzialmente l’azione degenerante del passaggio delle feci dure, causando un’accelerazione della patologia emorroidaria.

Il motivo principale dell’infiammazione tissutale è il consumo di carboidrati (derivati da amidi e zuccheri) che tende ad influenzare maggiormente i tessuti molli del nostro corpo (infiammazione e ritenzione idrica).

Vivere 120 Anni

La disbiosi intestinale

Una dieta poco equilibrata, sia sotto il profilo qualitativo sia sotto l’aspetto della distribuzione dei pasti nel corso della giornata e delle modalità di assunzione, spesso eccessivamente rapida, è dannosa per l’intestino ed impedisce all’organismo di ottenere il giusto apporto calorico e nutritivo.

Viene favorita da un’alimentazione poco equilibrata

dalla mancanza di attività fisica, dall’utilizzo di taluni farmaci (antibiotici, lassativi, anticoncezionali).

La flora batterica intestinale può alterarsi e provocare appunto la disbiosi intestinale, una vera e propria malattia, caratterizzata da alcuni sintomi ben definiti:
• cattiva digestione
• gonfiore
• stitichezza alternata a diarrea
• nervosismo e ansia
• stanchezza mattutina
• disturbi del sonno
• candidosi vaginale
• infezioni del cavo orale
• aerofagia ed eruttazioni fastidiose
• intolleranze alimentari.

Risultati immagini per disbiosi intestinale

Una dieta poco equilibrata, sia sotto il profilo qualitativo sia sotto l’aspetto della distribuzione dei pasti nel corso della giornata e delle modalità di assunzione, spesso eccessivamente rapida, è dannosa per l’intestino ed impedisce all’organismo di ottenere il giusto apporto calorico e nutritivo.

L’alimentazione scorretta risulta poi spesso associata ad uno stile di vita irregolare, che altera il ritmo sonno-veglia, con inevitabili ripercussioni negative sulla funzionalità intestinale.

Immagine correlata

Un’ulteriore causa è costituita dall’assunzione di farmaci quali antibiotici, antinfiammatori, antinfluenzali, antidepressivi, anticoncezionali e ansiolitici che non solo accentuano l’espressione sintomatologica della disbiosi intestinale, ma ne sono anche la stessa fonte, a causa del danneggiamento dagli stessi indotto sulla flora batterica.

Quest’ultima può inoltre risultare danneggiata anche dall’azione locale dei metalli pesanti, quali l’alluminio, il mercurio, il piombo, che possono giungere nell’intestino attraverso la catena alimentare.

Immagine correlata

L’alterazione dell’equilibrio qualitativo e quantitativo della flora batterica intestinale può rappresentare un cofattore importante nella manifestazione della stipsi e del cosiddetto colon irritabile (dato dall’alternarsi di periodi di stipsi a periodi colitici): alterazione dell’alvo, meteorismo (cioè gonfiori di pancia e senso di pesantezza), dolori addominali, cattiva digestione (dispepsia), alito cattivo, sfoghi cutanei.

Inoltre le conseguenze di carattere sistemico della disbiosi sono molteplici e assai importanti: diminuzione dell’attività immunitaria, dismetabolismi (aumento di colesterolo e trigliceridi, della glicemia e dell’uricemia), predisposizione alle infezioni, perdita di energia, cistiti ricorrenti, manifestazioni allergiche, aumento delle affezioni del cavo orale (tonsilliti, faringiti, tracheiti, bronchiti), difficoltà a perdere peso e perdita di capelli.

Risultati immagini per disbiosi intestinale

Pertanto la disbiosi intestinale è inquadrabile come una vera e propria condizione di malattia, invalidante la qualità di vita del soggetto che ne risulta affetto. Consiste in una specie di condizione di alterata ecologia della microflora che può sussistere a livello del cavo orale, del tratto gastroenterico e vaginale.

Forme principali Si possono distinguere cinque forme principali di disbiosi:

1. Disbiosi carenziale, conseguente ad un deficit di flora batterica intestinale, per lo più favorito da un’alimentazione povera di fibre solubili e/o ricca in alimenti precedentemente sottoposti a processi di sterilizzazione oppure conseguente a trattamenti con antibiotici.

2. Disbiosi putrefattiva, favorita da una dieta eccessivamente ricca in grassi e carni, povera in fibre; alcuni studi la collegano anche ai meccanismi patogenetici (cioè causali) di alcune forme tumorali, quali il cancro del colon e della mammella.

3. Disbiosi fermentativa, caratterizzata da una condizione di relativa intolleranza ai carboidrati, favorita da un’accentuata fermentazione batterica. Quest’ultima a sua volta indotta da una sovracrescita batterica a livello del piccolo intestino, dove sono più ricchi i substrati fermentabili.
Sintomi più tipici: gonfiore di pancia, flatulenza, diarrea alternata a stitichezza, sensazione di malessere.

4. Disbiosi da sensibilizzazione, causata da una risposta immune anomala a componenti della microflora batterica intestinale fisiologica, spesso legata ad un deficit di immunoglobuline (IgA) e/o ad una condizione di barriera immunitaria insufficiente.

5. Disbiosi da funghi (Candida intestinale e lieviti in eccesso), legata alla sovracrescita di saccaromiceti (funghi) o della Candida, favorita da una dieta ricca in zuccheri e povera in fibre.

Immagine correlata

Sintomi prevalenti: diarrea o più di rado stipsi, prurito anale, astenia, talvolta sfoghi orticarioidi, cistiti ricorrenti abatteriche, funghi in altre sedi corporee (soprattutto a livello genitale) e associata spesso a specifiche intolleranze alimentari: lieviti, frumento, latte e derivati, birra.
Prof. Paolo Mainardi

Una cura per il morbo di Alzheimer

Il programma utilizzato da questo medico per fare regredire i sintomi dell’Alzheimer (e che probabilmente è utile, almeno in parte anche per il Parkinson o altre simili malattie neurodegenerative) è un programma personalizzato, basato sull’analisi di 25 possibili concause della malattie

E di Parkinson?

Per il benessere del cervello si è scoperto che sono molto utili gli acidi grassi a catena media, ovvero gli oli MCT, molto utili quindi per i soggetti sofferenti di Alzheimer, morbo di Parkinson e altri problemi neurologici.

In particolare quando si associa una dieta paleo ad una integrazione di questi MCT (anche solo assumendo un po’ di olio di cocco, all’interno del quale sono presenti) il cervello brucia grassi, la produzione di ketoni aumenta, e il cervello funziona meglio.

L'immagine può contenere: una o più persone, anello, primo piano e cibo

Vedi a tal proposito l’articolo Can Ketones Help Rescue Brain Fuel Supply in Later Life?

Implications for Cognitive Health during Aging and the Treatment of Alzheimer’s Disease (“I ketoni possono aiutare a ripristinare la funzionalità cerebrale nella tarda età?

Implicazioni per la salute congitiva durante l’invecchiamento e il trattamento del morbo di Alzheimer”) che spiega come nel morbo di Alzheimer e altri problem neurologici una delle cause del malfunzionamento cerebrale è la sua carenza di energia:

il cervello fa fatica ad utilizzare il glucosio per trarne energia

L'immagine può contenere: testo

ma riesce ancora senza problem ad utilizzare i ketoni (ketones (beta-idrossibutirrato e acetoacetato) per cui l’integrazione orale di MCT può esser emolto utile.

In un articolo presente sul web, la dottoressa Mary Newport descrive come nel giro di 37 giorni ha riportato alla quasi totale normalità neurologica il marito ammalatosi di Alzheimer semplicemente somministrandogli giornalmente una dose di olio di cocco.

La cosa interessante è che se per qualche motiovo dimenticava di prendere la sua dose di olio di cocco, si manifestava un momentaneo parziale ritorno della malattia.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Ma di particolare rilievo è l’articolo Reversal of cognitive decline: A novel therapeutic program (“Inversione del declino cognitivo: un nuovo programma terapeutico”) , che descrive l’esperienza di guarigione (o notevole miglioramento) di 9 pazienti su 10 malati colpiti dal morbo di Alzheimer. Leggiamo sull’abstract che:

Tra i primi 10 pazienti che hanno utilizzato questo programma ci sono pazienti con perdita della memoria associata al morbo di Alzheimer (AD – Alzheimer’s Disease ), leggero danno cognitivo da amnesia (aMCI – amnestic Mild Cognitive Impairment), o danneggiamento cognitivo soggettivo (SCI – Subjective Cognitive Impairment).

Risultati immagini per parkinson

Nove su dieci hanno mostrato un miglioramento soggettivo od oggettivo che è iniziato nel giro di 3-mesi, con un caso di fallimento che corrisponde ad un paziente ad uno stadio davvero avanzato di Alzheimer.

Sei pazienti avevano dovuto abbandonare il lavoro oppure avevano problemi nella gestione del proprio lavoro nel momento in cui si sono presentati, e tutti sono stati in grado di ritornare a lavorare o a continuare a lavorare migliorando le proprie prestazioni.

I miglioramenti sono stati duraturi, e fino ad ora il più lungo follow-up di questi pazienti è di due anni e mezzo dall’inizio del trattamento, con miglioramento marcato e duraturo.

Risultati immagini per parkinson

Nell’articolo per altro leggiamo alcune informazioni preoccupanti sull’avanzare del morbo di Alzheimer, che rappresenta ormai la maggiore causa di declino cognitivo negli anziani con 5,4 milioni di pazienti Americani e 30 milioni nel mondo, con prospettive per l’immediato futuro di una crescita ancora maggiore che secondo l’autore potrebbe portare ad una bancarotta del sistema di assistenza medica. Secondo recenti stime tale patologia è diventata la terza causa di morte negli Stati Uniti.

Il programma utilizzato da questo medico per fare regredire i sintomi dell’Alzheimer (e che probabilmente è utile, almeno in parte anche per il Parkinson o altre simili malattie neurodegenerative) è un programma personalizzato, basato sull’analisi di 25 possibili concause della malattie:

Risultati immagini per alimentazione corretta

cause metaboliche, infiammazione, disbiosi, carenze di nutrienti etc. L’idea di base è che le cause della malattia risiedono nello squlibro di tutta una rete di funzioni, e che quindi bisogna considerare e riequilibrare ogni singolo aspetto che concausa questa patologia.

Come dovrebbe risultare chiaro dalla lettura del presente libro, il primo approccio consiste nella modifica dietetica (dieta a basso tenore di carboidrati, con pochissimi cereali permessi) per minimizzare l’infiammazione e la resistenza insulinica, ma a questo si aggiunge un digiuno di 12 ore in corrispondenza della notte (12 ore tra il pasto serale e la colazione del giorno dopo)

Immagine correlata

riduzione dello stress per mezzo di yoga, meditazione, musica appropriata in modo anche da regolarizzare la produzione di cortisolo, melatonina e triptofano per garantire un buon riposo notturno (8 ore di sonno), esercizio fisico,

stimolazione cerebrale (tenere allenata la mente), integratori per regolare i livelli di l’omocisteina se necessari (metilcobalamina, pirossidale 5 fosfato – forma attiva della vitamina B6 – metiltetraidrofolato, eventualmente trimetilglicina) integrazione di vitamina B12 (sotto forma di metilcobalamina)

se necessaria, curcumina e acidi grassi DHA/EPA contro l’infiammazione, eventuale riequilibrio ormonale (ottimizzare i livelli di T3 libera, T4 libera, estradiolo testosterone, progesterone, pregnenolone, cortisolo), riequilibrio della microflora intestinale con prebiotici e probiotici, riduzione della beta amiloide con la curcumina e la Ashwagandha (un’erba medicinale)

Immagine correlata

Bacopa monniera (un’altra pianta medicinale) e magnesio L-treonato per sostenere la memoria e l’attenzione, vitamina D3 e K2 se è necessario regolarizzare i livelli di colecalciferolo nel sangue, mix di antiossidanti (tocoferoli e tocotrienoli, selenio, mirtilli, N-Acetil-Cisteina, ascorbato, acido Alfa-Lipoico, che hanno anche la funzione di ripulire dai metalli pesanti),

verificare che ci sia una corretta ossigenazione notturna (eventualmente trattando il problema delle apneee notturne), acidi grassi a catena media (sotto forma di olio di cocco o dell’integratrore Axona), acido pantotenico (necessario alla produzione dell’acetilcolina) per migliorare la concentrazione,

Immagine correlata

verificare l’intossicazione da metalli pesanti ed eventualmente affrontarla, ottimizzare il rapporto Zinco/Rame, aumentare i livelli di NGF (fattore di crescita nervoso) con l’assunzione di Hericius erinaceus o ALCAR, fornire componenti strutturali per la formazione delle sinapsi (citicolina, DHA), ottimizzare la funzione mitocondriale (Coenzima Q o ubiquinolo, acido alfa lipoico, Pirro-Quinolin-Quinone, N-Acetil-Cisteina, ALCAR, Selenio, Zinco, resveratrolo, ascorbato, tiamina), aumentare la funzione della sirtuina 1 (resveratrolo).

Rimedi Klamin, AlgoZy, AlgOmega, Multinatural, COrdyceps

1116 Pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience 2016; 9: 53, autori Cunnane SC, Courchesne-Loyer A, et al.;https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4937039/.
1117 https://www.sharpagain.org/how-a-doctor-reversed-her-husba…/.
1118 Pubblicato su Aging Volume 6, Issue 9 pp 707-717, autore Dale E. Bredesen; http://www.aging-us.com/article/NjJf3fWGKw4e99CyC/text.
1119 Vedi l’articolo SIRT1: il gene che collega invecchiamento e Alzheimer http://www.lescienze.it/…/sirt1_il_gene_che_collega_invecc…/.

Cancro e alimentazione 

Vedi anche l’articolo Il selenio riduce il rischio di cancro al colon, pubblicato sul sito italiasalute nel quale possiamo leggere che secondo un recentissio studio “il selenio favorirebbe il processo di apoptosi, un meccanismo secondo cui le cellule malate si autoeliminano dal nostro organismo”.

I resoconti del lavoro di indagine del dottor Price dovrebbero avere già fatto comprendere come l’alimentazione moderna sia una delle cause scatenanti del sempre maggiore numero di malati di cancro.
Ritornare ad una dieta a base di alimenti semplici, non processati, evitare zucchero e dolcificanti artificiali è sicuramente importante, sebbene, come abbiamo visto, per riequilibrare l’organismo può essere necessario passare ad una forma di dieta paleolitica; molti medici e ricercatori che si interessano di cure naturali per il cancro (a partire dal compianto dottor Gerson) insistono anche che si evitino le proteina, e ci sono diverse testimonianze che una dieta con tanta frutta e verdura e senza proteine animali possa guarire dal cancro.
A tal proposito segnalo un breve ma interessantissimo articolo pubblicato il 19 settembre 2012 sull’edizione on line del sole 24 ore intitolato Guarisce dal cancro al colon cambiando dieta – frutta e verdura lo salvano? , che fornisce il resoconto della guarigione da un tumore al colon inizialmente trattato con intervento chirurgico e chemioterapia.
L'immagine può contenere: frutta e cibo
Dopo il fallimento dell’approccio di queste terapie l’anziano malato britannico ha eseguito ricerche su internet ed ha deciso di mangiare frutta e verdura crude in gran quantità, associando tale dieta ad integratori di selenio e a semi di albicocca (fonti di vitamina B 17). Ad aprile l’uomo era stato dato ormai per spacciato, ad agosto i medici hanno constatato la sua guarigione. Un risultato davvero eccezionale.
Vedi anche l’articolo Il selenio riduce il rischio di cancro al colon, pubblicato sul sito italiasalute nel quale possiamo leggere che secondo un recentissio studio “il selenio favorirebbe il processo di apoptosi, un meccanismo secondo cui le cellule malate si autoeliminano dal nostro organismo”.
Su alcune riviste e giornali si leggono invece articoli che puntano il dito contro il selenio considerandolo inutile se non dannoso.
Contraddizioni di una ricerca ai primordi?
O la longa manus delle multinazionali del farmaco?
Risultati immagini per estratti verdi
La somministrazione di un ciclo di chemioterapia per tali aziende significa un introito dell’ordine di qualche centinaia di euro, al contrario la somministrazione di una dieta ricca di frutta, verdura e selenio non porta soldi nelle tasche di nessuno (fruttivendolo a parte, ovviamente).
Sempre sul sito del sole 24 ore leggiamo di una nuova cura contro il melanoma basata proprio selenio e sui broccoli , e per restare in tema potete leggere delle virtù terapeutiche ed antitumorali della piante della famiglia del cavolo potete leggere sull’articolo prevenire il cancro mangiando … col cavolo!
Anche l’esperienza di Candice-Marie Fox, guarita dal cancro mangiando frutta e verdura crude (in buona parte sotto forma di spremute, come con il metodo Gerson) è molto interessante. Del resto si tratta di cibi che affamano patogeni e gran parte dei parassiti, e che anzi contengono molta vitamina C, che potenzia il sistema immunitario e aiuta ad uccidere i patogeni; in più contengono molti enzimi benefici.
Risultati immagini per estratti verdi
La sua esperienza è descritta nell’articolo Former model with cancer who turned down chemo claims she cured herself by eating three PINEAPPLES a day… and she’s also ditched her husband , ed è interessante notare che oltre all’alimentazione la donna Britannica ha abolito l’uso di prodotti per la bellezza e per la pulizia del corpo imbottiti di sostanze chimiche artificiali, si è dedicata allo yoga per lavorare sull’equilibrio psico-fisico, ed ha pure divorziato dal marito (che non condivideva la sua scelta naturista).
Non è peregrino pensare che anche il divorzio da una persona che non condivide il proprio stile di vita (e con il quale probabilmente c’erano anche altri attriti) possa avere risolto in maniera netta e definitiva alcuni conflitti e contribuito alla guarigione.
È utile ricordare la possibile efficacia nella lotta contro il cancro del boro e dello iodio.
998 http://salute24.ilsole24ore.com/…/14643-guarisce-dal-cancro….
999 http://italiasalute.leonardo.it/news.asp?ID=10208.
1000 http://salute24.ilsole24ore.com/…/3180-broccoli-e-selenio-u….
1001 http://www.giudiziouniversale.it/…/prevenire-il-cancro-mang….
1002 Pubblicato il 30 marzo 2015 sul Daily Mail, scritto da Caroline Mcguire;http://www.dailymail.co.uk/…/Former-model-cancer-turned-che….

Sbagliare dieta è pericoloso

al nostro Intestino interessano Fibra da Frutta e verdura e grassi a corta catena per trasformarli in ATP energia vitale e da lì produrre anche Aminoacidi, antinfiammatori ecc..

L’uomo nasce frugivoro e poi diventa onnivoro.

Questa scelta è stata fondamentale per diventare quello che siamo.

Infatti introducendo alimenti diversi da quelli per i quali l’impianto era stato progettato, abbiamo introdotto patogeni aggressivi.

Allora abbiamo accorciato l’intestino per ridurre il tempo di contatto. Gli organi che consumano più energia sono il cervello e l’intestino, accorciando quest’ultimo abbiamo avuto più energia a disposizione del cervello, che è molto aumentato dal Neanderthal al sapiens-sapiens.

Senza la riduzione dell’intestino non avremo avuto abbastanza energia. La maggiore aggressività del cibo ha portato a rinforzare l’intestino che ha dovuto imparare a gestire maggiori processi infiammatori, abbiamo quindi aumenato l’infiammazione intetsinale a cui corrisponde una maggior stato ansioso.

Quello che ci differenzia maggiormente dagli altri mammiferi è…l’ansia della conoscenza. però abbiamo accorciato solo il colon, ovvero l’unica parte dalla quale ricaviamo nutrimento (energia) per le cellule intestinali e ricaviamo i mattoncini con cui sintetizziamo ciò che ci serve… …abbiamo così trasformato un lento ma robusto motore agricolo in uno da F1, elevate prestazioni, ma MOLTO DELICATO.

cipolle 3

Sbagliare dieta oggi è per noi MOLTO pericoloso, non possiamo annullare in pochi anni le modifiche che hanno richiesto millenni. Abbiamo aumentato la forza del nostro intestino, paragonabile a quella di un palestrato,

oggi ha bisogno di mantenere l’esposizione a cibi complessi per mantenere questa forza, altrimenti si indebolisce e diminuisce i processi con cui ci RIPARA continuamente e sono guai!!!

Il grosso problema della carne è che la mangiamo troppo magra e troppo poco putrefatta, nessun carnivoro la mangerebbe. Certo il vitello come i finti polli, in realtà pulcini gonfiati, è meglio evitarli, ma sforzatevi di mangiare più grassi, anche animali. Mangiare carne magra è l’errore più importante,

al nostro Intestino interessano Fibra da Frutta e verdura e grassi a corta catena per trasformarli in ATP energia vitale e da lì produrre anche Aminoacidi, antinfiammatori ecc..

Si parte dalla Colazione sana con Frutta o estrattori, burro da latte crudo non chiarificato, pane integrale con germe di grano (vero) ecc.

Prof. Paolo Mainardi modificato Francesco Ciani

DepurEssiac

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/depuressiac/

NutriCol

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/nutricol/

NutriFlor

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/nutriflor/

NutriZym

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/nutrizym/

Klamin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/klamin/

AlgoZym

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/algozym/

Multinatural:

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/multinatural/

La bocca e i suoi conflitti

Le malattie della bocca sono il segno della nostra difficoltà a «mordere» la vita, ad accettare di ingerire ciò che ci propone, a masticarlo per meglio digerirlo.

La bocca è ciò che ci permette di mangiare, di nutrirci e anche di esprimerci. È una porta aperta tra il mondo esterno e il mondo interiore, mediante la quale riceviamo gli alimenti e per estensione le esperienze della vita che sono i nostri «alimenti psicologici».

Ma essa funziona anche nel senso opposto, ossia dall’interno verso l’esterno. In questo caso è l’orifizio attraverso il quale ci esprimiamo o addirittura sputiamo o vomitiamo ciò che sta dentro di noi e che ha bisogno di uscire.

La bocca appartiene contemporaneamente sia al Principio della Terra e al sistema digestivo (fase Yin) che al Principio del Metallo e al sistema respiratorio (fase Yang).

È la porta mediante la quale le energie della Terra (alimenti, esperienze) e le energie del Cielo (aria, soffio, comprensione) penetrano in noi per divenire la nostra energia essenziale.

La sua appartenenza al Principio della Terra e al sistema digestivo indica il suo ruolo importante nella nutrizione alimentare (cibo) e psicologica (esperienza) e la presenza dei denti simboleggia la capacità di mordere in questa vita e di masticare ciò che ci propone per inghiottirlo … e digerirlo … più facilmente.

Per questo i neonati e le persone anziane non possono o non possono più farlo, in quanto i soli alimenti che sono in grado di inghiottire sono liquidi, vale a dire affettivi quando si tratta del livello psicologico.

Le malattie della bocca sono il segno della nostra difficoltà a «mordere» la vita, ad accettare di ingerire ciò che ci propone, a masticarlo per meglio digerirlo.

Afta, infiammazioni orali, morsi che ci diamo nella parte interna delle guance o alla lingua sono tutti segnali indicanti che quanto ci viene proposto o quello che diciamo non ci soddisfa.

Tutte queste malattie possono significare che l’educazione che ci viene impartita o le esperienze in cui ci imbattiamo «non sono di nostro gusto», che hanno un sapore che non ci piace.

Rappresentano la nostra difficoltà ad accettare nuovi sapori, ossia nuove idee, opinioni, esperienze, ma possono anche essere il segno di una saturazione, di un eccesso di esperienze e, per estensione, del bisogno di fare una pausa.

(Michel Odoul)