Incenso

a pianta da secoli utilizzata dalla medicina ayurvedica: come rimedio per reumatismi, per diabete, per la febbre, per molti disturbi respiratori, del fegato, del cuore e della pelle e ancora per stimolare sotto forma di un olio, la crescita dei capelli.

Boswellia Serrata

Dall’incisione della corteccia della Boswellia serrata,

un grande albero sempreverde originario della regioni subtropicali dell’Africa e dell’India si ottiene una sostanza resinosa che si solidifica a contatto con l’aria assumendo l’aspetto di grossi granelli giallo-oro a forma di goccia, conosciuti nei paesi d’origine anche come “incenso indiano”.

La pianta da secoli utilizzata dalla medicina ayurvedica: come rimedio per reumatismi, per diabete, per la febbre, per molti disturbi respiratori, del fegato, del cuore e della pelle e ancora per stimolare sotto forma di un olio, la crescita dei capelli.

Recenti studi scientifici hanno confermato che alcune sostanze presenti nella resina di Boswellia possiedono interessanti proprietà utili nel trattamento: di malattie infiammatorie croniche che possono colpire le ossa e le articolazioni: artrite, artrosi, forme reumatiche.

Modalità d’uso: Tintura madre, può essere usata anche per lunghi periodi.

Si usa per: le terapie dell’apparato osteoarticolare: artrite, artrosi, fibromialgie, tendiniti.

Anche per asma, malattie allergiche, coliti e morbo di Crohn.

TM di Boswellia ha dato degli ottimi risultati nell’osservazione clinica nel trattamento d’artropatie nel periodo di 4-8 settimane. Ha prodotto un significativo miglioramento della sintomatologia (rigidità, debolezza, gonfiore) e ha ristabilito una soddisfacente funzionalità articolare.

Il trattamento è stato ben tollerato. Si è dimostrata una maggiore flessibilità articolare, soprattutto mattutina, anche nei soggetti che prima non hanno risposto al trattamento con i FANS. (non ha effetti collaterali dei FANS, bon tollerata anche dai soggetti con problemi gastrici). Inoltre è emersa una ridotta necessità d’assunzione di farmaci antiinfiammatori.

Estratto è controindicato a chi: soffre d’intestino pigro e può aumentare l’effetto dei sedativi e tranquillanti.

Proprietà in MicroDosi di Olio Essenziale

  • Anticatarrale, espettorante
  • Terapeutico
  • Stimolante delle difese immunitarie
  • Antidepressivo, calma l’angoscia
  • un buon «supporto» calmante e per la meditazione.
  • Antitumorale (ancora allo stato di ricerca)!

Indicazioni :

  • bronchite catarrale ed asmatiforme, asma, sinusite
  • ferite, ulcera, ulcera varicose, cura delle pelli secche
  • Sistema immunitario: mancanza immunitaria
  • angosce, preoccupazione, tensione, depressione nervosa

Guggul resina di caucciù

Il Mukul si è dimostrato ottimo collutorio contro varie ulcerazioni delle prime vie respiratorie, tonsilliti ricorrenti e faringiti.

Resina di caucciù (Commiphora wighth, Commiphora Mukul, Guggul gum)

Pianta arbusto spinoso spontaneo che cresce nelle regioni semi desertiche dell’Arabia, Beluchistan e India. Ricca di fitosteroli: che hanno un’azione ormonale.

Applicazione: ipercolesterolemia, iperlipemia Con il termine iperlipoproteinemia si indica qualunque alterazione del metabolismo lipidico che determini un aumento di alcuni o tutti i tipi di lipidi e/o lipoproteine nel sangue.

Una volta si indicava anche lo stesso concetto con il termine Iperlipidemia. I disturbi sono spesso autosomici recessivi. L’alterazione si può manifestare come ipertrigliceridemia, ipercolesterolemia o entrambe., obesità, infiammazioni articolari, reumatismi muscolari,

Il Mukul si è dimostrato ottimo collutorio contro varie ulcerazioni delle prime vie respiratorie, tonsilliti ricorrenti e faringiti.

L’estratto: standardizzato della resina è un efficace rimedio contro le ipercolesterolemie, abbassando il tasso di colesterolo e di trigliceridi presenti nel plasma.

Mukul diminuisce: le LDL e simultaneamente aumenta l’HDL, previene la formazione d’aterosclerosi e aiuta a diminuire le placche aterosclerotiche già esistenti.

L’estratto di Mukul ha anche mostrato una certa attività positiva nel prevenire danni cardiaci dovuti ad eccesso di radicali liberi, si è notata pure un’influenza positiva nell’inibizione dell’aggregazione piastrinica.

Posologia: è basata sul contenuto di gugulsterone nell’estratto standardizzato, che deve essere intorno al 4%-8%. Per persona di peso medio: 250-500 mg tre volte al giorno. Il trattamento deve continuare sino a ristabilimento dei valori normali di colesterolo e trigliceridi.

Come antinfiammatorio: 2000 mg al giorno.

Non sono note controindicazioni, interazioni con farmaci, effetti collaterali.

Qualche rara manifestazione allergica che compare in soggetti sensibili e scompare se si diminuisce o si cessa l’assunzione. Leggeri capogiri, dovuti a variazione della pressione arteriosa, si possono manifestare durante l’assunzione.

È inoltre impiegata: per i dolori derivati da artrosi, artrite e sciatalgie. La medicina ayurvedica utilizza questa pianta per migliorare le facoltà intellettuali.

BIBLIOGRAFIA