Artiglio del Diavolo

L’ arpagofito è inoltre in grado di ricostituire la sostanza cartilaginea ed ha pertanto effetto lenitivo in caso di ischialgie, è un balsamo per le articolazioni e riduce il tasso di colesterolo. Può anche essere utilizzato nei casi di dolori articolari, artrosi, reumatismi, artrite, malattie della cartilagine, sciatica, varici e emorroidi.

Arpagofito, (Harpagophytum procumbens)
Gli indigeni del Sudafrica conoscono la pianta da lungo tempo
utilizzandola contro malattie reumatiche ed in caso di disturbi gastro-intestinali; volgarmente chiamata Artiglio del diavolo per la sua forma.

Le principali sostanze contenute sono: arpagide, arpagoside, procumbide, una miscela di fitosterina, triterpene, flavonoidi, acidi grassi insaturi, acido di cannella ed acido clorogenico.
Si sono ottenuti grandi successi con l’arpagofito che è in grado di sciogliere le congestioni epatiche, di stimolare la cistifellea ed il pancreas.
L’ arpagofito è inoltre in grado di ricostituire la sostanza cartilaginea ed ha pertanto effetto lenitivo in caso di ischialgie, è un balsamo per le articolazioni e riduce il tasso di colesterolo. Può anche essere utilizzato nei casi di dolori articolari, artrosi, reumatismi, artrite, malattie della cartilagine, sciatica, varici e emorroidi.
Ha proprietà antireumatiche (combatte la formazione di acido urico) e depurative del sangue. Questa pianta può essere utile come coadiuvante nell’acne e la foruncolosi.
Risultati immagini per artiglio del diavolo
Parti usate : radice secondaria, ricco di glicosidi iridoidi, stachiosio, fitosteroli, flavonoidi, arpagochinone.
Generalmente si usa in pastiglie e opercoli, spesso associato al salice (aspirina naturale) e spirea.
Si consiglia l’uso di compresse gastroresistenti per un miglior assorbimento, con una posologia di 16 mg/die d’arpagoside). In dosi elevate può causare problemi gastrici, stimolando la secrezione dell’acido cloridrico- peptico.
Da non assumere in associazione con i cortisonici, con ulcera gastrica e in gravidanza. In commercio si trova anche sotto forma di TM ( 20-40 gocce tre volte al giorno in poca acqua).
Per trattamento del reumatismo cronico degenerativo e artrosi (cervicoartrosi, lomboartrosi, coxartrosi, gonartrosi).
Per il trattamento di: reumatismo cronico – artrite reumatoide, osteoartrosi, dolori articolari, stimolatore digestivo, in particolare della cistifellea.
Risultati immagini per artiglio del diavolo
Studi recenti hanno confermato la sua azione ipotensiva, abbinare ad oligoelementi (Mg+Cu+Zn+Mn). Non sono disponibili i testi per l’uso durante la gravidanza, pertanto si sconsiglia l’uso della droga durante il periodo di gestazione.
(Adverse effects of herbal drugs. De Smet PAGM. Keller K. Haensel R. Chandler RF (eds), Springer-Verlag Berlin, 1992, pag. 98-99) (Biological analysis of Harpagophytum procumbens D.C.
II. Pharmacological analysis of the effects of harpagoside, hapragide and harpagogenine on the isolated guinea-pig ileum.
Journal de Pharmacie de Belgique 1981:26:321-4) (Investigations of Harpagophytum procumbens (Devil’s Claw) in the treatment of experimental inflammation and artriitis in the rat. British journal of Pharmacology 1979; 66:140-141)
 
 
 
 

Curcuma

Se hai uno dei seguenti sintomi, prova a introdurre la curcuma nella tua vita.
Eruzioni cutanee, orticaria, congestione, infiammazioni al cervello, alle articolazioni, ai nervi, problemi circolatori, cisti, fegato pigro, fegato surriscaldato, carenza di minerali, forfora, mal di schiena, dolore al collo, dolore al ginocchio, mal di piedi, ipertiroidismo, infiammazioni, pressione alla testa, capogiri, forti mal di testa, vista appannata,

La curcuma è ottima per ogni aspetto del nostro benessere. Nota per il suo contenuto di curcumina, una sostanza fitochimica dalle proprietà antinfiammatorie, la curcuma è particolarmente benefica per curare malattie come il lupus, a causa delle quali il corpo resta inceppato in un ciclo di reazioni anche dopo che l’invasore (il virus di Epstein-Barr, nel caso del lupus) se n’è andato.
Tieni sempre presente che nelle malattie croniche le infiammazioni sono dovute alla presenza di un elemento estraneo (per esempio un virus), e non al fatto che il corpo attacca se stesso, come molti erroneamente ritengono. A volte, però, quando un ciclo è ormai avviato, il corpo ha bisogno di un alleato per rompere lo schema.
La curcuma è ideale per svolgere questo lavoro, perché contiene naturali composti steroidei derivati dalla curcumina, che sono molto benefici, e ha altre proprietà fondamentali per placare una risposta eccessiva agli agenti patogeni. È ottima per tutti gli stati infiammatori e dolorosi in ogni parte del corpo, dai nervi, alle articolazioni, al cervello.
A proposito d’infiammazioni al cervello, molti convivono con misteriose encefaliti di lieve entità che provocano un leggero rigonfiamento dell’encefalo, ma che spesso non vengono diagnosticate perché il gonfiore non si riscontra nelle analisi; in altri casi, sulla base dei sintomi che producono, vengono diagnosticate come encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica (un’etichetta attribuita a una malattia del mistero la cui vera causa è un’infiammazione al cervello provocata dal virus di Epstein-Barr).
L'immagine può contenere: bevanda e cibo
Le encefaliti non diagnosticate provocano un inspiegabile senso di oppressione alla testa, stordimento, cefalee intense, appannamento della vista che non si risolve con gli occhiali, confusione, forte ansia e panico. L’antidoto decisivo è la curcuma & Peperina) .
Nel momento stesso in cui curano l’infiammazione, le potenti sostanze contenute nella curcuma aumentano l’afflusso di sangue nelle aree del corpo che ne hanno più bisogno, il che rende la curcuma un alimento ideale per chi soffre di reazioni croniche all’istamina o ha il sangue intossicato a causa del fegato pigro o di problemi circolatori. Gli alti livelli di manganese associati alla curcumina la rendono un ottimo ausilio per il sistema cardiovascolare, perché abbassa il colesterolo “cattivo” e alza quello buono, aiuta a inibire la formazione di cisti e tumori e può prevenire ogni tipo di cancro, specialmente quelli alla pelle. Inoltre il manganese attiva la capacità della curcumina di estrarre i metalli tossici dall’organismo.
MALATTIE
Se hai una delle seguenti malattie, prova a introdurre la curcuma nella tua vita.
Allergie, lupus, encefalite, ansia, colesterolo alto, tumori (anche al cervello), sindrome dell’ovaio policistico, fibromi, tutti i tipi di cancro (specialmente alla pelle), sindrome da proliferazione batterica nell’intestino tenue, influenza, raffreddore, problemi ai seni nasali, sindrome da stanchezza cronica, virus di Epstein-Barr/mononucleosi, sclerosi multipla, artrite reumatoide, SLA, linfomi (anche non Hodgkin), eczema, psoriasi, intossicazione da metalli pesanti, polmonite batterica, borsite, sindrome del tunnel carpale, celiachia, paralisi cerebrale, bronchite cronica, disturbi dell’alimentazione, ipersensibilità ai campi elettromagnetici, enfisema, endometriosi, malattie cardiache, insonnia, lipoma, affaticamento surrenale, glaucoma, malattia di Lyme, morbo di Graves, emicrania, obesità, artrite, morbo di Parkinson, parassiti, sindrome di Raynaud, meteoropatia, sciatica, tiroidite di Hashimoto, infezioni da lieviti, vermi.
SINTOMI
Se hai uno dei seguenti sintomi, prova a introdurre la curcuma nella tua vita.
Risultati immagini per curcuma estratti
Eruzioni cutanee, orticaria, congestione, infiammazioni al cervello, alle articolazioni, ai nervi, problemi circolatori, cisti, fegato pigro, fegato surriscaldato, carenza di minerali, forfora, mal di schiena, dolore al collo, dolore al ginocchio, mal di piedi, ipertiroidismo, infiammazioni, pressione alla testa, capogiri, forti mal di testa, vista appannata, confusione, panico, congestione, mal di gola, tosse, dolori diffusi, rigidità del corpo, calcificazioni, milza ingrossata, sensibilità alle sostanze chimiche, depersonalizzazione, disorientamento, discinesia, fame emotiva, eccesso di muco, spalla congelata, reazioni all’istamina, squilibri ormonali, carenza di acido cloridrico, perdite ematiche intermestruali, dolore alla mascella, scatti d’ira, crampi alle gambe, cortisolo basso, sintomi della menopausa, spasmi muscolari, rigidità muscolare, dolori vaganti, problemi ai seni nasali, ipotiroidismo, accumulo di peso.
SUPPORTO EMOTIVO
La curcuma è ideale per chi ha problemi di autostima. Se ti accorgi di sottovalutare il tuo contributo a progetti e relazioni, sei spesso scontento di te o hai difficoltà ad accettare i complimenti, fai entrare la curcuma nella tua vita: ti aiuterà ad apprezzare l’inestimabile e radioso essere umano che sei e tutto il bene che hai da offrire al mondo.
INSEGNAMENTO SPIRITUALE
Le proprietà antinfiammatorie della curcuma sono così potenti che ci danno l’opportunità di fermarci a riflettere e chiederci cos’altro dovremmo lenire e placare nella nostra vita. Le infiammazioni non avvengono solo a livello fisico: sono anche a livello mentale, emotivo, persino spirituale, spesso sotto forma di giudizio, accusa, rabbia o perenne insoddisfazione, e come quelle fisiche possono provocare un forte malessere.
Magari il motivo della tua angoscia appartiene al passato, ma tu sei bloccato in un circolo vizioso di reazioni che ti fa rivivere continuamente quel dolore. La prossima volta che senti arrivare un attacco di “infiammazione” esistenziale, ringrazia l’esperienza passata per la lezione che ha voluto offrirti e prendi esempio dalla curcuma per porre fine al circolo vizioso con delicatezza.
SUGGERIMENTI
Immagine correlata
Se hai le vie respiratorie congestionate, tosse, mal di gola, raffreddore, influenza o sinusite, prova a centrifugare della curcuma fresca insieme allo zenzero per ottenere una piccola dose di siero concentrato.
Nell’arco della giornata, bevine piccoli sorsi a intervalli regolari: il succo agirà da espettorante e favorirà il processo di guarigione.
Dopo un’attività intensa o un lavoro fisico pesante, prova ad assumere un po’ di curcuma in qualunque forma – come spezia su una pietanza, in un centrifugato, come tisana o integratore – basta che ne assimili una piccola quantità.
La curcuma può abbreviare i tempi di recupero per i muscoli, i legamenti e le articolazioni dopo il movimento, inoltre agisce da antinfiammatorio per eventuali lesioni che forse adesso non noti ma che potrebbero dare problemi in futuro.
SHOTTINI DI CURCUMA E ZENZERO
Per due/quattro porzioni
Formidabili per rafforzare il sistema immunitario, questi shottini sono una gustosa variante del siero di curcuma e zenzero di cui ho parlato poco fa. Facili rimedi per le prime avvisaglie di un raffreddore, aiuteranno il corpo a combattere tutti i nemici che lo attaccano!
10 cm di curcuma
10 cm di zenzero fresco
2 arance
4 spicchi d’aglio
Centrifuga gli ingredienti uno alla volta e tieni i succhi separati. Poi unisci un cucchiaino di succo di curcuma, un cucchiaino di succo di zenzero, ¼ di cucchiaino di succo d’aglio e ¼ di tazza di succo d’arancia in un bicchierino. Mescola e bevi immediatamente.
Nota: le dosi degli ingredienti variano considerevolmente in base alla centrifuga o al frullatore che utilizzi.
by (Anthony William cibi che ti cambiano la vita) modificato
La presenza di piperina nell’integratore migliora nettamente (fino al 2000%) l’assorbimento intestinale di curcumina e la sua biodisponi
 
 

Argilla Verde Ventilata

Aiuta a lenire i dolori articolari, ematomi, gonfiori, edemi, per pelle infiammata, seborroica, acneica.

Argilla Verde Ventilata, pronta all’uso
L’argilla è una delle materie più antiche che l’uomo abbia mai avuto a disposizione.
La più utilizzata in termini terapeutici è quella ventilata, ossia un argilla fine e impalpabile che, grazie al suo alto grado di finezza, si scioglie facilmente nell’acqua e può liberare molti e preziosi elementi minerali.
Risultati immagini per argilla verde
La più efficace è senza dubbio l’argilla verde che contiene prevalentemente ossido di ferro bivalente, lo stesso tipo di ferro presente nell’emoglobina, al molecola che trasporta l’ossigeno nel nostro organismo.

Indicazioni: Disintossicante, riequibrante e rimineralizzante.
Aiuta a lenire i dolori articolari, ematomi, gonfiori, edemi, per pelle infiammata, seborroica, acneica.
PS. è possibile aggiungerci qualche goccia di olio essenziale certificato per ogni problema manifesto

 

Le Articolazioni

Una schiena dura, rigida tradisce la testardaggine del suo possessore. In genere è sufficiente fare attenzione al linguaggio per apprendere il significato di un sintomo: teniamo conto che, oltre a infiammarsi e irrigidirsi, un’articolazione può anche bloccarsi, deformarsi, torcersi.

Le articolazioni sono responsabili della mobilità della persona. Molti sintomi che possono manifestarsi nelle articolazioni portano all’infiammazione e al dolore e di conseguenza alla limitazione del movimento fino all’irrigidimento.

Se un’articolazione si irrigidisce, significa che il paziente si è irrigidito su qualcosa. Un’articolazione rigida perde la sua funzione – se ci si irrigidisce su un argomento o un sistema, questo perde la sua funzione.

Una schiena dura, rigida tradisce la testardaggine del suo possessore. In genere è sufficiente fare attenzione al linguaggio per apprendere il significato di un sintomo: teniamo conto che, oltre a infiammarsi e irrigidirsi, un’articolazione può anche bloccarsi, deformarsi, torcersi.

Ecco dunque che si dice: Distendere una cosa – deformare una situazione – bloccare qualcuno o qualcosa – essere girati male. Si può rimettere a posto non soltanto un’articolazione, ma anche situazioni e rapporti.

Nella riduzione chiropratica l’articolazione viene rimessa al suo posto con un colpo deciso; e questa tecnica ha un parallelo in psicoterapia. Se una persona ha perso il baricentro, la si può lasciare continuare in questo atteggiamento finché arriva al limite estremo da cui è possibile recuperare il centro.

Risultati immagini per le articolazioni

E’ più facile emergere da una situazione se si è arrivati all’estremo limite. Tuttavia i più non arrivano a questo punto, e restano a metà strada. I più fanno quello che fanno a livello medio, per questo restano bloccati nei loro punti di vista e vivono così pochi cambiamenti.

Tuttavia ogni polo ha i suoi limiti, raggiunti i quali si rimbalza al polo opposto. Così da una tensione estrema si può facilmente arrivare alla distensione (training di Jakobsen). Per questo è stata la fisica, “a prima delle scienze esatte, a scoprire la metafisica, per questo i movimenti per la pace diventano militanti. Il centro deve essere conquistato dall’uomo con fatica – il tentativo di arrivarci subito porta alla mediocrità.

Può capitare che anche il movimento sia tanto esasperato da trasformarsi in immobilità. Le alterazioni meccaniche delle articolazioni mostrano sovente questo limite, mostrano che abbiamo tanto esasperato un polo o un indirizzo da metterlo in discussione. Si è andati troppo avanti, si è esasperata una situazione e per questo è bene rivolgersi al polo opposto.

La medicina moderna rende possibile sostituire varie articolazioni con protesi artificiali, e questo avviene con particolare frequenza nell’articolazione dell’anca (endoprotesi). Come abbiamo già fatto notare, una protesi è sempre una menzogna, perché qualcosa che non esiste viene simulato artificialmente.

Risultati immagini per le articolazioni

Se una persona è interiormente rigida e immobile, però finge a livello esteriore di essere agile, il sintomo dell’anca la induce a una maggiore sincerità. Questa correzione viene resa inutile da un’articolazione artificiale, cioè da una nuova menzogna, e a livello corporeo continua ad essere mostrata un’agilità che in realtà non esiste.

Per farsi un’idea della mancanza di sincerità che viene resa possibile dalla medicina, si provi a immaginare questa situazione: ammettiamo che con un colpo di bacchetta magica sia possibile far sparire in tutte le persone le protesi artificiali e gli strumenti di correzione: occhiali e lenti a contatto, apparecchi acustici, articolazioni artificiali, denti finti.

I visi ” tirati ” col lifting riprendono il loro aspetto originale, i pacemaker spariscono e così tutto quello che era artificialmente impiantato nell’uomo: si tratta in genere di materiale in plastica e acciaio. Lo spettacolo che si verrebbe ora ad offrire sarebbe spaventoso!

Adesso, con un altro colpo di bacchetta magica, facciamo sparire tutti i successi della medicina, quelli che evitano all’uomo la morte: ci troveremo così in mezzo a cadaveri, storpi, zoppi, mezzi ciechi, sordi. Sarebbe uno spettacolo tremendo – ma sarebbe sincero!

Risultati immagini per le articolazioni

Sarebbe l’espressione visibile dell’anima umana. Molta arte medica ha reso possibile evitare questa vista spaventosa ricostruendo diligentemente il corpo dell’uomo e integrandolo con protesi di tutti i generi, così che alla fine egli appare vero, autentico e vivo.

Ma che ne è stato delle anime? In loro nulla è cambiato – loro continuano ad essere morte o cieche, sorde, rigide, rattrappite, curve: noi però non ce ne rendiamo conto perché non le vediamo. Per questo la paura della sincerità è così grande.

È la storia del ritratto di Dorian Gray. Con abili trucchi si può ottenere per un certo tempo bellezza e gioventù – però quando finalmente si viene confrontati con la propria vera immagine interiore la paura è grande. Il lavoro costante alla nostra anima sarebbe molto più importante delle cure attente che dedichiamo al nostro corpo, perché il corpo è passeggero, la coscienza no.

(Dott. Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)

OsseoVin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/osseovin/

InfiaVin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/infiavin/

DMG Gold

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/dmg-gold/