Trattamento trasdermico e nutraceutico

Si tratta di due ricercatori inglesi, MacKinnon and Agre, e la loro scoperta dei cosiddetti water-channels (canali acquosi) nella pelle è stata premiata col Nobel nel 1993.

Da una più che ventennale ricerca scientifica nasce la linea Klamère, fondata sul potere vitale e primordiale delle microalghe cianobatteriche.

Si tratta di due ricercatori inglesi, MacKinnon and Agre, e la loro scoperta dei cosiddetti water-channels (canali acquosi) nella pelle è stata premiata col Nobel nel 1993.

Applichiamo questa ricerca alla microalga selvatica del lago Klamath (Oregon, USA), otteniamo un estratto brevettato, AphaMax®, dalle elevatissime proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie, tonificanti, rigeneranti ed anti-aging, a cui associamo un esclusivo acido ialuronico ad alto peso molecolare, costituendo una sinergia unica  in grado di agire rapidamente e in profondità sugli inestetismi più comuni.

Immagine correlata

L’estratto AphaMax®, oltre ad una titolazione elevata di AFA-ficocianine,

i pigmenti blu delle microalghe Klamath, contiene anche altre molecole attive sul derma, come le micosporine algali porphira e shinorina, potenti agenti di protezione dalla fotossidazione , utilizzate anche come componenti centrali di creme solari , e un ampio spettro di polifenoli, come acido caffeico, considerati tra i più potenti antiossidanti.

Ma è soprattutto l’elevata concentrazione di AFA – ficocianine dell’estratto AphaMax®

artritea generare una potente azione protettiva e rigenerativa della pelle. Le AFA-ficocianine hanno dimostrato di essere le molecole antiossidanti più potenti tra tutte le molecole naturali

1000 volte più potenti della vitamina C e 40 volte più potenti di note molecole antiossidanti come quercetina e catechine.

Grazie alla loro azione anti-lipoperossidativa, scientificamente provata

i cosmeceutici Klamére proteggono la pelle sia dagli attacchi esterni ambientali, sia dalle tossine ingerite tramite un’alimentazione sbagliata.

Risultati immagini per dolori infiammatori

Ma l’azione più importante delle AFA-ficocianine è quella rigenerativa:

esse hanno una provata capacità di stimolare il rilascio e la migrazione nei tessuti dei fibroblasti, le specifiche cellule staminali della pelle, precursori fondamentali delle cellule  dermiche e cutanee.

Grazie all’estratto AphaMax®, i cosmeceutici Klamére attivano rapidamente la capacità della  cute di  auto-rigenerarsi.

trattamento lesioni cutanee

Tempo medio  del trattamento : 10 minuti

Protocolli di lavoro:

piede diabetico

trattamenti transdermici, nei dolori cronici, infiammazioni, spondilite, tunnel carpale, ginocchio, spalla e articolazioni 

e anche viso e corpo, anti-age, tonificanti, adiposità, cellulite, 

Il trattamento ha come obbiettivo quello di ristabilire un corretto drenaggio dei fluidi da parte del sistema linfatico , la riduzione degli accumuli di grasso presenti in una determinata area anatomica e la tonificazione.

Elettroporazione + EMS

Risultati immagini per viso acne

È con notevole effetto della nutrizione e della cura della pelle.

L’elettroporazione è un metodo di bellezza che può iniettare collagene e acido ialuronico nella pelle più profonda senza aghi.

Componenti macromolecolari come il collagene e l’acido ialuronico non sono facili da penetrare nello strato profondo della pelle, tuttavia, con questa speciale tecnologia chiamata “elettroporazione”.

Immagine correlata

è possibile ottenere un alto livello di efficacia senza alcun dolore, tramite EMS (stiramento elettrico ), unica corrente EMS stimola la pelle delicatamente a causare un movimento muscolare secondario che può far sentire la pelle turgida ed elastica, stimola l’ipoderma per ottenere l’effetto di attivare le cellule, stimolare la riduzione e la ricombinazione del collagene e rigenerare il nuovo collagene con  la pelle più soda, vigorosa ed elastica, migliora le rughe e la linea sottile della pelle, rinnova la pelle liscia, più luminosa, flessibile e chiara.

Risultati immagini per dolori infiammatori

“Mesoportation” è una combinazione di mesoterapia e radiofrequenza (radiofrequenza) che è ampiamente utilizzata come mesoterapia senza ago in Europa, raggiunge un alto livello! di penetrazione nella pelle.

È stato riportato che il mesoportation è un grado di penetrazione di circa 10 volte quello della ionostoresina convenzionale in 1mm di profondità della pelle e 27 volte in 4 mm, e ha un effetto sorprendente per lo sbiancamento e l’anti-invecchiamento.

Risultati immagini per viso pelle gambe sane

Attraverso l’energia elettrica RF tende a seguire la distanza più breve tra 2 coppie di elettrodi sonda.

Quando l’elettricità attraversa il tessuto vivente, l’alto flusso di energia genera calore come una caratteristica dell’alta frequenza e la resistenza all’elettricità da parte del tessuto vivente, quindi si sente caldo.

Terapia fotonica

Funziona in modo efficiente e stabile senza danneggiare la pelle utilizzando una speciale luce LED di bellezza sviluppata esclusivamente per la bellezza della pelle.

Ultrasuoni + nurse

Immagine correlata

Il massaggio sonico con vibrazione per la pelle può portare l’essenza, le creme di bellezza nel cuoio della pelle. assorbendo, attiva le cellule del viso e degli occhi.

Funzioni di ringiovanimento della pelle del fotone:

Luce Rossa: con lunghezza d’onda di 630 nm, sbianca e schiarisce le macchie, dona la pelle e disperde i vecchi segni, ripara la pelle danneggiata, rieduca le rughe sottili, stringe i pori e stimola la rigenerazione delle proteine del collagene e al matrice cellulare.

Luce Verde: con lunghezza d’onda di 525 nm, ha gli effetti della neutralizzazione, del bilanciamento, calma e sfiamma, può alleviare la stanchezza cronica, drenare la linfa e utile nell’eliminazione dell’edema.

Luce Blu: con lunghezza d’onda di 415 nm, diminuisce l’infiammazione, uccide i batteri e il propionibacterium acnes,  rimuovendo l’acne e le cicatrici. Eccetera.

by Klamère Nutrigea Prof. Scoglio candidato a Premio Nobel nella Ricerca nutraceutica. di principi nutrizionali wild.

Servizio: 1 trattamento personalizzato € 35,00

Il Ginocchio

Si tratta di qualcosa che è vissuto nel Conscio e che sconvolge, mette a soqquadro, perturba le nostre convinzioni interiori, e che noi rifiutiamo interiormente. Viceversa può trattarsi di un’emozione, di una sensazione o di un ricordo che emergono dal Non-Conscio

Malattia espressione dell’AnimA
Il ginocchio, che è la seconda articolazione della gamba, e che serve a piegare, a piegarsi e a inginocchiarsi.
È l’articolazione dell’umiltà, della malleabilità interiore, della forza profonda, in opposizione al potere esteriore che procura la rigidità. È il segno manifesto dell’obbedienza, dell’accettazione, se non della resa e della sottomissione. Il ginocchio rappresenta la «porta dell’accettazione».

È il pendant, la prosecuzione dell’anca di cui prolunga la mobilità, ma in senso opposto. L’anca è un’articolazione il cui piegamento avviene solo nella parte anteriore del corpo, laddove il ginocchio può piegarsi solo nella parte posteriore. Indica pertanto la capacità di mollare, di cedere o, ancora, di indietreggiare.
È anche l’articolazione che agisce da altalena tra il Conscio e il Non-Conscio. Rappresenta quindi l’accettazione di un’emozione, di una sensazione, di un’idea che emerge dal Non-Conscio per dirigersi verso il Conscio, se ci troviamo nel processo di addensamento, oppure inversamente si dirige verso il Non-Conscio allontanandosi dal Conscio, se siamo nel processo di liberazione.
È l’articolazione principale del rapporto con l’altro e della nostra capacità di accettare ciò che tale relazione implica come apertura oppure come compromesso (non ho detto compromissione). Del resto, è interessante notare che in francese «genou» (ginocchio) può anche essere scritto «je-nous» (io-noi)…
Risultati immagini per ginocchio
Le malattie del ginocchio
È facile dedurre che quando ci fa male un ginocchio significa che abbiamo difficoltà a piegarci, ad accettare un vissuto particolare. Ci troviamo a livello delle gambe, la tensione è quindi di natura relazionale con il mondo esterno od interiore, con gli altri o con se stessi.
I dolori o i problemi «meccanici» alle ginocchia denotano che un’emozione, una sensazione, un’idea o un ricordo, relativamente al nostro rapporto con il mondo, non viene accettata oppure è rifiutata.
Si tratta di qualcosa che è vissuto nel Conscio e che sconvolge, mette a soqquadro, perturba le nostre convinzioni interiori, e che noi rifiutiamo interiormente. Viceversa può trattarsi di un’emozione, di una sensazione o di un ricordo che emergono dal Non-Conscio (messaggio del Maestro Interiore) e che abbiamo difficoltà ad «accettare», ad integrare nella nostra quotidianità, nel nostro Conscio perché turba, scombussola «abitudini» o convinzioni riconosciute e salde.
Se si tratta del ginocchio destro, la tensione è in relazione con il simbolismo Yin (materno),
Se si tratta del ginocchio sinistro, la tensione è in relazione con il simbolismo Yang (paterno).
(Michel Odoul)
 

L'articolazione del ginocchio – Lesioni del menisco

Domande 
1. Quale ruolo svolge la modestia nella mia vita? 
2. Mi inchino di fronte alle necessità o mi faccio piegare dal destino? 
3. C’è una persona o un tema che mi chiede di essere umile? 
4. Se sono costretto a portare un carico eccessivo, cerco di trarmi d’impaccio? 
5. Tendo a piegarmi fisicamente? 

Malattia Espressione dell’AnimA
Con l’articolazione del ginocchio affrontiamo il tema dell’umiltà.
Inginocchiarsi e genuflettersi sono gesti che esprimono sottomissione. Con questo atteggiamento ci si presenta ai dignitari ecclesiastici e in passato era così che si stava davanti ai re. Colpisce il fatto che gli uomini moderni tendano in misura sempre minore a piegare le ginocchia.
A parte che nella chiesa cattolica, sono poche le occasioni per farlo e anche lì sono stati operati cambiamenti notevoli: secondo il nuovo «regolamento» è concesso stare in piedi anche nei momenti in cui prima ci si doveva inginocchiare. Invece di inginocchiarsi umilmente al cospetto dell’Onnipotente, oggi ci si confronta con Lui. Umiltà e sottomissione non sono più di moda.
La persona sempre in piedi, che non si inginocchia mai, è diventata un’ideale, ognuno è il sovrano di se stesso. Anche lavori come pulire e strofinare, che in passato costringevano a stare in ginocchio, sono oggi meccanizzati quel tanto che basta da non doversi più inginocchiare. Non deve quindi meravigliare che i disturbi al ginocchio, soprattutto sotto forma di problemi al menisco, si manifestino in modo più significativo.
Risultati immagini per menisco dolore
La causa principale delle lesioni al menisco è uno sforzo eccessivo. I due menischi, formati da cartilagine, permettono anche i movimenti rotatori, necessari soprattutto alla flessione interna del ginocchio, che rappresenta una sorta di articolazione cerniera. Nella forma somigliano uno a una mezzaluna, l’altro a una luna piena.
A causa della loro funzione appartengono certamente al polo femminile. In caso di lesione si spezzano, stretti tra l’articolazione superiore e quella inferiore. La terapia adatta è simile a quella applicata per l’ernia del disco e consiste nell’asportazione del tessuto distrutto, troppo debole per sopportare il carico cui era sottoposto. In seguito i soggetti cercano spesso di continuare a sostenere pesi eccessivi anche senza i cuscinetti ammortizzatori.
Il sintomo rivela alle persone la loro hybris (greco = orgoglio). Essi dovrebbero riconoscere i propri limiti e constatare che l’impulso al movimento e la prestazione richiesta al loro corpo sono eccessivi in rapporto alle capacità. Se ignorano i dolorosi segnali di allarme, i temi della modestia e dell’umiltà confinati nell’ombra si ripresenteranno nelle ginocchia, a ciò predestinate.
Invece di un’umiltà liberamente scelta, costoro vivono solo una modestia forzata cui sono obbligati a causa della loro limitata mobilità e un’umiltà che deriva dal dolore.
Risultati immagini per ginocchio
Chi non riduce volontariamente la propria esagerata mobilità esteriore, viene costretto a farlo dai propri menischi. È allora necessario diventare sinceri e ammettere onestamente quali prestazioni sono veramente necessarie. Certamente è lecito sospettare che gli sportivi più accaniti utilizzino la loro mobilità esteriore per compensare la propria immobilità interiore.
Invece di preoccuparsi di effettuare internamente un certo movimento di rotazione e di cercare di acquisire un punto di vista alternativo, si girano e si voltano esternamente fino al momento in cui il loro menisco si strappa.
In questo senso il danno al ginocchio costringe anche interiormente un corrispondente atteggiamento di immobilità. È necessario ricorrere al riposo forzato per ritrovare l’armonia. Per essere esteriormente grandi, è indispensabile disporre di una certa mobilità interiore e anche di una buona dose di modestia, che non accetterà mai di ottenere a forza quello che non rientra nell’ambito delle proprie possibilità o dei propri compiti.
Se si ricerca la causa di un incidente occorso nella pratica sportiva, si trova una situazione in cui l’immobilità spirituale deve essere bilanciata da eccessive prestazioni fisiche.
Immagine correlata
Se il calciatore avesse affrontato la palla o l’avversario in modo più intelligente, non avrebbe avuto bisogno di farsi male. In genere si tratta di situazioni in cui i soggetti hanno anche «giocato» interiormente con un sentimento teso al punto da lacerarsi.
Nelle rotazioni consapevoli, eseguite col piacere del movimento, non ci si procura alcuna lesione: per ottenere questo, è sempre necessaria una certa elasticità interiore.
Domande
1. Quale ruolo svolge la modestia nella mia vita?
2. Mi inchino di fronte alle necessità o mi faccio piegare dal destino?
3. C’è una persona o un tema che mi chiede di essere umile?
4. Se sono costretto a portare un carico eccessivo, cerco di trarmi d’impaccio?
5. Tendo a piegarmi fisicamente?
6. Dove sono arrivato agli estremi e mi faccio mettere in ginocchio solo da una «forza più alta»?
7. Come potrei, oltre alla disponibilità a piegarmi esteriormente, imparare a inchinarmi anche interiormente?
8. La mia mobilità esteriore deriva dalla calma o nasce dall’ambizione e dall’ansia?
9. Dove mi spinge il destino?
10. Verso cosa deve indirizzarsi il mio sguardo?
(Dott. Rudiger Dahlke)