Una cura per il morbo di Alzheimer

Il programma utilizzato da questo medico per fare regredire i sintomi dell’Alzheimer (e che probabilmente è utile, almeno in parte anche per il Parkinson o altre simili malattie neurodegenerative) è un programma personalizzato, basato sull’analisi di 25 possibili concause della malattie

E di Parkinson?

Per il benessere del cervello si è scoperto che sono molto utili gli acidi grassi a catena media, ovvero gli oli MCT, molto utili quindi per i soggetti sofferenti di Alzheimer, morbo di Parkinson e altri problemi neurologici.

In particolare quando si associa una dieta paleo ad una integrazione di questi MCT (anche solo assumendo un po’ di olio di cocco, all’interno del quale sono presenti) il cervello brucia grassi, la produzione di ketoni aumenta, e il cervello funziona meglio.

L'immagine può contenere: una o più persone, anello, primo piano e cibo

Vedi a tal proposito l’articolo Can Ketones Help Rescue Brain Fuel Supply in Later Life?

Implications for Cognitive Health during Aging and the Treatment of Alzheimer’s Disease (“I ketoni possono aiutare a ripristinare la funzionalità cerebrale nella tarda età?

Implicazioni per la salute congitiva durante l’invecchiamento e il trattamento del morbo di Alzheimer”) che spiega come nel morbo di Alzheimer e altri problem neurologici una delle cause del malfunzionamento cerebrale è la sua carenza di energia:

il cervello fa fatica ad utilizzare il glucosio per trarne energia

L'immagine può contenere: testo

ma riesce ancora senza problem ad utilizzare i ketoni (ketones (beta-idrossibutirrato e acetoacetato) per cui l’integrazione orale di MCT può esser emolto utile.

In un articolo presente sul web, la dottoressa Mary Newport descrive come nel giro di 37 giorni ha riportato alla quasi totale normalità neurologica il marito ammalatosi di Alzheimer semplicemente somministrandogli giornalmente una dose di olio di cocco.

La cosa interessante è che se per qualche motiovo dimenticava di prendere la sua dose di olio di cocco, si manifestava un momentaneo parziale ritorno della malattia.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Ma di particolare rilievo è l’articolo Reversal of cognitive decline: A novel therapeutic program (“Inversione del declino cognitivo: un nuovo programma terapeutico”) , che descrive l’esperienza di guarigione (o notevole miglioramento) di 9 pazienti su 10 malati colpiti dal morbo di Alzheimer. Leggiamo sull’abstract che:

Tra i primi 10 pazienti che hanno utilizzato questo programma ci sono pazienti con perdita della memoria associata al morbo di Alzheimer (AD – Alzheimer’s Disease ), leggero danno cognitivo da amnesia (aMCI – amnestic Mild Cognitive Impairment), o danneggiamento cognitivo soggettivo (SCI – Subjective Cognitive Impairment).

Risultati immagini per parkinson

Nove su dieci hanno mostrato un miglioramento soggettivo od oggettivo che è iniziato nel giro di 3-mesi, con un caso di fallimento che corrisponde ad un paziente ad uno stadio davvero avanzato di Alzheimer.

Sei pazienti avevano dovuto abbandonare il lavoro oppure avevano problemi nella gestione del proprio lavoro nel momento in cui si sono presentati, e tutti sono stati in grado di ritornare a lavorare o a continuare a lavorare migliorando le proprie prestazioni.

I miglioramenti sono stati duraturi, e fino ad ora il più lungo follow-up di questi pazienti è di due anni e mezzo dall’inizio del trattamento, con miglioramento marcato e duraturo.

Risultati immagini per parkinson

Nell’articolo per altro leggiamo alcune informazioni preoccupanti sull’avanzare del morbo di Alzheimer, che rappresenta ormai la maggiore causa di declino cognitivo negli anziani con 5,4 milioni di pazienti Americani e 30 milioni nel mondo, con prospettive per l’immediato futuro di una crescita ancora maggiore che secondo l’autore potrebbe portare ad una bancarotta del sistema di assistenza medica. Secondo recenti stime tale patologia è diventata la terza causa di morte negli Stati Uniti.

Il programma utilizzato da questo medico per fare regredire i sintomi dell’Alzheimer (e che probabilmente è utile, almeno in parte anche per il Parkinson o altre simili malattie neurodegenerative) è un programma personalizzato, basato sull’analisi di 25 possibili concause della malattie:

Risultati immagini per alimentazione corretta

cause metaboliche, infiammazione, disbiosi, carenze di nutrienti etc. L’idea di base è che le cause della malattia risiedono nello squlibro di tutta una rete di funzioni, e che quindi bisogna considerare e riequilibrare ogni singolo aspetto che concausa questa patologia.

Come dovrebbe risultare chiaro dalla lettura del presente libro, il primo approccio consiste nella modifica dietetica (dieta a basso tenore di carboidrati, con pochissimi cereali permessi) per minimizzare l’infiammazione e la resistenza insulinica, ma a questo si aggiunge un digiuno di 12 ore in corrispondenza della notte (12 ore tra il pasto serale e la colazione del giorno dopo)

Immagine correlata

riduzione dello stress per mezzo di yoga, meditazione, musica appropriata in modo anche da regolarizzare la produzione di cortisolo, melatonina e triptofano per garantire un buon riposo notturno (8 ore di sonno), esercizio fisico,

stimolazione cerebrale (tenere allenata la mente), integratori per regolare i livelli di l’omocisteina se necessari (metilcobalamina, pirossidale 5 fosfato – forma attiva della vitamina B6 – metiltetraidrofolato, eventualmente trimetilglicina) integrazione di vitamina B12 (sotto forma di metilcobalamina)

se necessaria, curcumina e acidi grassi DHA/EPA contro l’infiammazione, eventuale riequilibrio ormonale (ottimizzare i livelli di T3 libera, T4 libera, estradiolo testosterone, progesterone, pregnenolone, cortisolo), riequilibrio della microflora intestinale con prebiotici e probiotici, riduzione della beta amiloide con la curcumina e la Ashwagandha (un’erba medicinale)

Immagine correlata

Bacopa monniera (un’altra pianta medicinale) e magnesio L-treonato per sostenere la memoria e l’attenzione, vitamina D3 e K2 se è necessario regolarizzare i livelli di colecalciferolo nel sangue, mix di antiossidanti (tocoferoli e tocotrienoli, selenio, mirtilli, N-Acetil-Cisteina, ascorbato, acido Alfa-Lipoico, che hanno anche la funzione di ripulire dai metalli pesanti),

verificare che ci sia una corretta ossigenazione notturna (eventualmente trattando il problema delle apneee notturne), acidi grassi a catena media (sotto forma di olio di cocco o dell’integratrore Axona), acido pantotenico (necessario alla produzione dell’acetilcolina) per migliorare la concentrazione,

Immagine correlata

verificare l’intossicazione da metalli pesanti ed eventualmente affrontarla, ottimizzare il rapporto Zinco/Rame, aumentare i livelli di NGF (fattore di crescita nervoso) con l’assunzione di Hericius erinaceus o ALCAR, fornire componenti strutturali per la formazione delle sinapsi (citicolina, DHA), ottimizzare la funzione mitocondriale (Coenzima Q o ubiquinolo, acido alfa lipoico, Pirro-Quinolin-Quinone, N-Acetil-Cisteina, ALCAR, Selenio, Zinco, resveratrolo, ascorbato, tiamina), aumentare la funzione della sirtuina 1 (resveratrolo).

Rimedi Klamin, AlgoZy, AlgOmega, Multinatural, COrdyceps

1116 Pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience 2016; 9: 53, autori Cunnane SC, Courchesne-Loyer A, et al.;https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4937039/.
1117 https://www.sharpagain.org/how-a-doctor-reversed-her-husba…/.
1118 Pubblicato su Aging Volume 6, Issue 9 pp 707-717, autore Dale E. Bredesen; http://www.aging-us.com/article/NjJf3fWGKw4e99CyC/text.
1119 Vedi l’articolo SIRT1: il gene che collega invecchiamento e Alzheimer http://www.lescienze.it/…/sirt1_il_gene_che_collega_invecc…/.

La miglior Vit D Naturale Veggy

la vitamina D interagisce con le seguenti azioni genomiche non classiche:
Inibizione della crescita cellulare
Regolazione dell’apoptosi
Controllo della differenziazione cellulare
Modulazione della risposta immune
Prevenzione della trasformazione neoplastica
Controllo del sistema renina-angiotesina
Controllo della secrezione insulinica
Controllo della funzione muscolare
Controllo del sistema nervoso

La carenza di vitamina D è davvero diffusissima e in continuo aumento, i ricercatori stimano che il 50% della popolazione  è a rischio, con effetti pesanti sulla sia fisica che emotiva.
Le cause sono molteplici al sole, assunzione di cibi che ne sono poco ricchi, malassorbimento e disturbi gastrointestinali, dell’Asse intestino – cervello, malattie croniche infiammatorie degenerative, invecchiamento della popolazione ecc..
La carenzadi vitamina D potrebbe portare problemi cardiaci, asma nei bambini, disturbi cognitivi negli anziani, problemi a livello delle ossa, fino alla comparsa di osteoporosi, umore altalenante, tristezza immotivata, sudorazione delle mani apparentemente inspiegabile, ecc.
Per vitamina D si intende un gruppo di 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2 , D3, D4 e D5. la forma meglio assimilabile per l’organismo umano è la vitamina D3 (colecalciferolo) e fortunatamente offi è disponibile anche una vitamina D3 di origine vegetale indicata quindi anche per Vegetariani e Vegani.
Risultati immagini per vitamina d sole benefici
A cosa serve:
la Vitamina D3 Veggy orosolubile, è un integratore alimentare di vitamina D3 (Vitashine oil microincapsulata) da fonte vegetale dolcificata con glicosidi dello steviolo (estratto di Stevia) utile per colmare le carenze alimentari o gli aumentati fabbisogni organici di questo nutriente. Questa particolare formulazione, grazie alla sua natura vegetale, favorisce l’assimilabilità di questo nutriente incrementandone la propri disponibilità.
Questa preziosa Vitamina D, proviene da un organismo vegetale speciale chiamato Lichene (Cetraria Islandica L.) I licheni sono una specie unica che consiste in un’associazione simbiotica di un fungo con un’alga (partner fotosintetico). I licheni assomigliano ai muschi ma non ci si deve confondere, i muschi sono vegetali molto primitivi, che crescono in luoghi umidi, sul terreno, sulle rocce e sulla corteccia degli alberi e che costituiscono lo strato più basso della vegetazione boschiva, e sono provvisti di clorofilla, la riproduzione del muschio avviene per mezzo di spore.

I licheni sono invece organismi originati, da una simbiotica associazione come già precisato tra funghi e alghe (o anche cianobatteri, organismi unicellulari procarioti, noti come impropriamente come alghe verdi o verdi – azzurre). I primi forniscono acqua e sali minerali ricevendo in cambio sostanze organiche che l’alga produce grazie alla fotosintesi clorofilliana.
Il tallo è il corpo del lichene che può assumere aspetti di croste, lamine lobate colorate, masserelle gelatinose, squamette o anche piccoli cespugli come nel caso di (Cladonia arbuscola). Questa peculiarità permette a detti organismi di sopravvivere  in ambienti particolarmente ostili e a climi estremi, mantenendo al contempo la capacità di produrre ed accomulare ingenti quantità di nutrienti  essenziali, tra cui la Vitamina D3.
Contenuto: 60 compresse orosolubili, senza glutine.
Ingredienti: maltodestrina da mais, acidificante acido citrico anidro, aroma, vitamina D3 da fonte vegetale microincapsulata in polvere (100000 UI/g), agenti antiagglomeranti sali di magnesio degli acidi grassi vegetali e biossido di silicio, edulcorante glicosidi dello steviolo (estratto da Stevia).
Modalità d’uso: si consiglia di assumere 1 o 2 compresse al giorno, secondo necessità, preferibilmente prima dei pasti.
L’assunzione di 2 compresse fornisce l’apporto del 1000% sul valore nutritivo di riferimento giornaliero.
 
 

Il morbo di Alzheimer

1. Ho preso bene la curva, ho trovato il punto di svolta nella mia vita e l’ho utilizzato per ritornare a casa? 
2. In che rapporto sono con il bambino che è in me? 
3. Ho mantenuto i legami con questo e nella vecchiaia mi sto di nuovo avvicinando consapevolmente a lui? 
4. Mi sto avvicinando di nuovo ai bambini? 
5. Verso dove mi potrei «orientare»? Da dove dovrebbe entrare luce nella mia vita? Quali aiuti non utilizzo? 
6. In che modo perdo continuamente il contatto con le altre persone e con la vita? 
7. Perché rifiuto la responsabilità della mia stessa vita?

Malattia Espressione dell’AnimA
Questa malattia veniva chiamata in passato anche «demenza presenile» perché introduce precocemente nel gioco della vita tutti i processi della normale decadenza senile. Si manifesta più di frequente tra i cinquantesimo e il sessantesimo anno di vita e colpisce prevalentemente le donne. Simile a una precoce caricatura dei processi di invecchiamento del cervello, questo morbo avanza rapidamente in una società che invecchia molto tardi. Al momento i colpiti rappresentano il sei per cento della popolazione ultrasessantacinquenne, ma la tendenza è in aumento.
Solo in Germania i malati ammontano a seicentomila e a questi se ne aggiungono ogni anno cinquantamila: nel frattempo il morbo di Alzheimer è al quarto posto nelle cause di morte nei paesi industrializzati: i non (ancora) colpiti non sono però del tutto consapevoli della gravità del problema.
La «grande dimenticanza» viene essa stessa dimenticata. Un morbo che determina la perdita dell’intelletto rappresenta una vera e propria provocazione per chi appartiene a una società dominata dalla ragione. Quando 90 anni fa Io psichiatra bavarese Alois Alzheimer ne parlò per la prima volta, i medici non vollero neppure ascoltarlo.
Risultati immagini per Il morbo di Alzheimer
Solo negli ultimi anni, a causa dei numeri in continuo rialzo, si è sviluppata una certa consapevolezza della pericolosità di questa terribile malattia, che porta alla perdita della coscienza e che può colpire chiunque, provocando la degenerazione del cervello. Il velo grigio della vecchiaia assume la forma di un cosiddetto accumulo di amiloide, che si insinua soprattutto tra le connessioni delle cellule nervose, le sinapsi.
Le concrezioni di albumina si uniscono ai composti di alluminio fino a formare una sorta di cemento mortale che mura la parte interna delle cellule nervose e impedisce la trasmissione dell’impulso: ne consegue che la funzione principale dei nervi, quella di creare legami, viene annullata.
La rete di comunicazione tra il cervello, responsabile delle funzioni logiche, e il sistema limbico, da cui dipende l’universo delle sensazioni, viene così bloccata. Mentre la memoria, l’intelligenza, la facoltà di decidere, l’orientamento, il linguaggio e tutto quello che viene determinato dall’intelletto va perduto, restano i sentimenti e il senso di rispetto per il modello sociale, la capacità di percepire il ritmo e la musicalità.
In tempi recenti ci si è concentrati di più su questo problema e la ricerca scientifica ha aperto diverse strade. Innanzitutto si cerca di risalire a cause genetiche, visto che un decimo delle persone colpite ha sicuramente contratto questa malattia per via ereditaria e che praticamente tutte le persone affette da sindrome di Down (i mongoloidi), non appena arrivano ai trenta anni, contraggono il morbo di Alzheimer.
L'immagine può contenere: 2 persone
Per questo si sospetta che le due malattie siano accomunate da un difetto del ventunesimo cromosoma. Il motivo scatenante resta tuttavia un problema aperto. Si discute inoltre sull’influenza dell’ossigeno aggressivo, i cosiddetti radicali, che attaccano gli involucri grassi dei nervi determinando una carenza di anticorpi. L’ossigeno di per sé non è sotto inchiesta, lo sono invece alcune molecole particolarmente aggressive, ad esempio quelle che si formano nella decomposizione dell’ozono.
La sintomatologia si manifesta inizialmente con leggeri disturbi della memoria, soprattutto di quella a breve termine, mentre le funzioni di quella a lungo termine restano intatte. È una situazione tipica delle persone anziane, che dimenticano spesso i fatti più recenti, ma ricordano molto bene gli avvenimenti remoti.
Con l’avanzare inesorabile della malattia, si manifestano irrequietezza e motilità che costringono i pazienti a camminare a passi minuscoli: si aggiungono inoltre disturbi nell’orientamento e nel linguaggio, difficoltà a riconoscere le persone e a compiere azioni sensate. In seguito si manifestano depressioni, più raramente stati di euforia.
Il morbo si manifesta sempre nella seconda metà della vita e quindi nella fase di ritorno e di raccoglimento interiore. L’interpretazione dei sintomi mette in luce il rapporto con la via evolutiva e mostra in che misura tale rapporto sia andato perduto, oppure trasferito nel corpo. Il comandamento di Cristo, che ci esorta a diventare come bambini, è affondato nell’ombra: i soggetti diventano infantili e subiscono una concreta involuzione.
La perdita crescente della memoria a breve termine mostra che non ci si sente più responsabili delle cose vicine. I pazienti dimenticano nel senso più reale del termine la loro vita, che dal presente si sposta nel passato. Attraverso il crollo della memoria sono crudelmente costretti a vivere nel presente, oppure può avvenire che il passato divenga una cosa sola col presente.
Immagine correlata
La vita dell’ hic et nunc, la meta del cammino evolutivo, ha in questa forma irrisolta qualcosa di spaventoso. L’immersione consapevole nell’istante presenta i compiti essenziali della vita nella polarità; nelle persone affette da morbo di Alzheimer irrequietezza e motilità tradiscono ciò che vorrebbero ancora fare.
Con la perdita del senso del tempo, viene anche meno la capacità di comprendere sia la strada della vita che i suoi compiti. Chi non ricorda più niente e vive al di là del tempo lineare, non può più avere responsabilità di alcun tipo. La perdita dell’orientamento va nella stessa direzione.
Quando la vita termina, non solo non si è raggiunto nessuno scopo, ma si ha addirittura smarrita la strada. I pazienti non sanno più dove sono e dove vanno. Con l’orientamento hanno perso nel vero senso della parola anche l’oriente, la direzione da cui secondo le Sacre Scritture proviene la luce. Alla fine della loro strada manca la luce, e con essa la speranza.
Le frequenti depressioni sono dovute all’assenza completa di prospettive e speranze. La carenza di attenzione e di rispetto verso gli altri, che può dare tanto ai nervi ai parenti, ne è quasi una logica conseguenza. Poiché tutte le funzioni di controllo dell’intelletto cadono, le emozioni possono scaricarsi tranquillamente, come nei bambini piccoli. Quello che i pazienti hanno represso nella vita per educazione o per scrupoli di altro tipo, si manifesta ora liberamente.
Risultati immagini per alzheimer
La sofferenza che soprattutto di notte assume proporzioni impressionanti, per cui i malati, presi dal panico, si svegliano urlando o cominciano a vagare per casa, è difficilmente comprensibile a chi li assiste.
Dato che i pazienti sono privi del senso di orientamento e della memoria, si svegliano di notte nel buio più totale senza sapere dove sono, e in seguito neanche chi sono. Talvolta è necessario lasciare accesa una piccola luce simbolica, come si fa con i bambini, per illuminare il Iato oscuro della realtà.
La malattia può essere interpretata come un ritornare-ad-essere-bambini sprofondalo nel corpo. I pazienti si attaccano proprio come bambini alle persone che li assistono, amano stare attaccati alle loro gonne o per lo meno assicurarsi della loro vicinanza attraverso segnali acustici, come cantare o sussurrare.
Come i bambini in tenera età, odiano le porte chiuse e il senso di insicurezza. Preferiscono restare nelle zone che ben conoscono, a cui sono abituati, si spaventano anche di fronte alle sorprese o ai cambiamenti fatti con le migliori intenzioni.
Non c’è modo di discutere con loro, però reagiscono con gratitudine alle manifestazioni di affetto, come carezze o lodi. Se si vogliono evitare i loro attacchi d’ira, bisogna dar loro sempre ragione, si deve lasciarli vincere al gioco e addossarsi sempre ogni colpa.
In conclusione, hanno bisogno di essere curati in tutto e per tutto come bambini: devono essere nutriti e perfino fasciati. Mentre i pazienti ritornano agli inizi della vita, richiedono al loro ambiente un’umiltà che è molto difficile in quanto le speranze di miglioramento sono limitate.
L’irrequietezza, detta discinesia, che costringe i pazienti a camminare a piccoli passi, testimonia che in loro esiste un impulso a muoversi, ma anche che questo impulso è ostacolato dai passi troppo piccoli e privi di direzione.
I pazienti si muovono in circolo. L’incapacità di rimanere seduti e fermi dimostra il bisogno di comunicazione e di collegamento con la vita e l’azione. Il fatto che si perdono ad ogni occasione perché non riconoscono più niente, fa capire che hanno simbolicamente rinunciato alla loro strada.
Immagine correlata
I disturbi nell’articolazione del linguaggio indicano quanto il contatto con l’esterno sia divenuto difficile e col tempo addirittura impossibile. Perdono continuamente il filo del discorso, così come nella vita hanno perso l’orientamento. Il film si spezza sempre più spesso finché alla fine non rimangono che fotogrammi staccati.
Le frasi diventano sempre più corte, si riducono a parole, perdono man mano di logica, per poi esaurirsi del tutto. I pazienti ormai non hanno più niente da dire e vengono simbolicamente interdetti. Riescono ad esprimersi solo attraverso una comunicazione non verbale.
Il termine medico utilizzato per definire questo problema del linguaggio è disfasia, che significa: i malati non vibrano più con Io stesso ritmo degli altri, sono disorientati anche nel linguaggio, col risultato di perdere col tempo anche questa capacità.
L’agnosia è un sintomo ulteriore, indica l’incapacità di riconoscere e alla fine arriva al punto che i pazienti non riconoscono più neanche se stessi. L’auto-conoscenza come scopo del cammino dell’uomo è affondata nelle ombre, come naturalmente anche il mondo che non può più essere riconosciuto come compito.
L’aprassia, l’incapacità di compiere azioni pratiche, impedisce di utilizzare gli aiuti che la vita mette a disposizione. I pazienti affondano nell’inattività e nell’inettitudine. Con un mondo che non riconoscono più, non sono più in grado di confrontarsi.
La depressione riporta con chiarezza il tema a un denominatore comune. La depressione è anche una mancanza di tensione e in effetti rappresenta una delle forme irrisolte del rilassamento. I pazienti diventano psicologicamente e fisicamente dipendenti e rinunciano a prendersi cura della propria vita, affidando tale compito al prossimo.
Immagine correlata
Qui si rivela in modo drastico che il ritorno alle origini della vita è affondato nell’ombra. Invece di diventare come bambini in modo libero e redento, corpo, anima e spirito regrediscono all’età infantile. Invece di camminare per il mondo col cuore aperto, pronti a stupirsi di fronte al miracolo della vita, i malati affondano nell’afasia. Invece di conquistarsi a piccoli passi il loro spazio nella vita, si muovono in cerchio a passi minimi e si perdono.
Fuggono verso il passato, verso la mancanza di responsabilità dell’infanzia, esigono attenzioni e cure senza dare niente in cambio e vivono inconsapevolmente scaricando su tutta la famiglia o sui singoli parenti quegli incarichi che essi stessi non sono assolutamente disposti ad assumere.
L’immagine delle cellule nervose murate nel cemento coi loro collega¬menti interrotti, rispecchia da un punto di vista anatomico la loro situazione.
Anche se si intende la de-pressione, secondo l’accezione attuale, come bassa-pressione, emerge l’aspetto della fuga perché tutti gli impulsi vitali vengono repressi. Il risultato è la morte da vivi. Alla fine la tensione non risolta e la repressione completa delle forze vitali sfociano nella morte.
Spesso non si sa chi soffre di più, se il malato o coloro che liberamente scelgono di rimanergli accanto. Mentre i pazienti percorrono inesorabilmente all’indietro la loro strada, chi li assiste si ritrova a dover affrontare molti sacrifici. È una variante della strada del ritorno, che i pazienti sfiduciati hanno rifiutato.
Mentre i primi sono ora costretti a seguirla inconsapevolmente soffrendo, chi sceglie di rimanere al loro fianco per aiutarli la condivide consciamente. Alcune persone che si sono consacrate a questo compito dichiarano di essere cambiate profondamente e di essersi arricchite.
Chi affronta questo impegno sovrumano, imparerà molto su di sé, sull’essere bambini, sul coraggio e sull’umiltà. La cosa più deprimente e diversa rispetto all’educazione di un bambino, che nonostante i problemi ha sempre come fine quello del miglioramento, è la consapevolezza della mancanza di prospettive.
Mentre i bambini crescono, coloro che sono stati colpiti da morbo di Alzheimer precipitano. Del resto, educare un bambino quando ha ormai dieci anni è tardi. È necessario avere una guida sulla via che riporta a casa.
Risultati immagini per alzheimer
La fase più importante e più difficile della strada dell’uomo, la discesa nelle tenebre, ha preso forma e per coloro che scelgono liberamente di condurvi l’anima altrui non è meno importante che per coloro che vengono accompagnati. Percorrere questa strada richiama alla memoria il mito di Orfeo e Euridice, anche se nella nostra società sono principalmente le donne che si assumono il compito di accompagnare l’anima della persona amata nella discesa al regno dei morti.
Si capiscono allora i racconti di coniugi o figli che si sono presi cura del malato, che descrivono i felici momenti d’amore vissuti insieme all’ammalato, che riesce spesso ad esprimere questo sentimento solo quando il carro armato intellettuale si infrange.
Sui gradini posti alla fine della strada che si sta percorrendo, vicinissimi ormai all’oscurità imperscrutabile, anche queste esperienze devono necessariamente essere sacrificate: l’amore individuale verso il singolo si trasforma necessariamente in un amore che tutto abbraccia, che va oltre la persona, poiché l’essere umano che si è conosciuto così bene sparisce nell’oscurità, e si rimane soli. In questa realtà domina il vuoto assoluto.
Anche la persona illuminata rinuncia al proprio ego, e la sua individualità svanisce nel momento in cui entra nel grande vuoto. La differenza fonda¬mentale è però nella coscienza.
Per questo una malattia che anticipa le «fasi normali della decadenza senile» rappresenta lo specchio chiaro e spaventoso di una società, in cui un numero sempre maggiore di persone è colpita dal morbo di Alzheimer.
Invecchiare significa molto spesso da noi diventare bambini, o attraverso malattie quali la sclerosi del cervello, altre forme di demenza, colpi apoplettici o semplicemente attraverso una «normale» decadenza cerebrale. Il compito autentico ci invita però a tornare indietro consapevolmente e a «diventare come bambini».
Domande da porsi all’inizio della malattia e per coloro che assistono i malati
1. Ho preso bene la curva, ho trovato il punto di svolta nella mia vita e l’ho utilizzato per ritornare a casa?
2. In che rapporto sono con il bambino che è in me?
3. Ho mantenuto i legami con questo e nella vecchiaia mi sto di nuovo avvicinando consapevolmente a lui?
4. Mi sto avvicinando di nuovo ai bambini?
5. Verso dove mi potrei «orientare»? Da dove dovrebbe entrare luce nella mia vita? Quali aiuti non utilizzo?
6. In che modo perdo continuamente il contatto con le altre persone e con la vita?
7. Perché rifiuto la responsabilità della mia stessa vita?
li grande vuoto è, come il concetto cristiano di Paradiso, soltanto una descrizione imperfetta della perfezione, cioè dell’Unità.
Anche se le varie culture utilizzano diversi termini per indicare il regno che si trova al di là del mondo polare, esiste una sola Unità che abbraccia ogni cosa da ogni punto di vista, ma può anche essere il vuoto assoluto, in cui tutto è in potenza (a livello potenziale).
(Dott. Rudiger Dahlke)