Trattamento trasdermico e nutraceutico

Si tratta di due ricercatori inglesi, MacKinnon and Agre, e la loro scoperta dei cosiddetti water-channels (canali acquosi) nella pelle è stata premiata col Nobel nel 1993.

Da una più che ventennale ricerca scientifica nasce la linea Klamère, fondata sul potere vitale e primordiale delle microalghe cianobatteriche.

Si tratta di due ricercatori inglesi, MacKinnon and Agre, e la loro scoperta dei cosiddetti water-channels (canali acquosi) nella pelle è stata premiata col Nobel nel 1993.

Applichiamo questa ricerca alla microalga selvatica del lago Klamath (Oregon, USA), otteniamo un estratto brevettato, AphaMax®, dalle elevatissime proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie, tonificanti, rigeneranti ed anti-aging, a cui associamo un esclusivo acido ialuronico ad alto peso molecolare, costituendo una sinergia unica  in grado di agire rapidamente e in profondità sugli inestetismi più comuni.

Immagine correlata

L’estratto AphaMax®, oltre ad una titolazione elevata di AFA-ficocianine,

i pigmenti blu delle microalghe Klamath, contiene anche altre molecole attive sul derma, come le micosporine algali porphira e shinorina, potenti agenti di protezione dalla fotossidazione , utilizzate anche come componenti centrali di creme solari , e un ampio spettro di polifenoli, come acido caffeico, considerati tra i più potenti antiossidanti.

Ma è soprattutto l’elevata concentrazione di AFA – ficocianine dell’estratto AphaMax®

artritea generare una potente azione protettiva e rigenerativa della pelle. Le AFA-ficocianine hanno dimostrato di essere le molecole antiossidanti più potenti tra tutte le molecole naturali

1000 volte più potenti della vitamina C e 40 volte più potenti di note molecole antiossidanti come quercetina e catechine.

Grazie alla loro azione anti-lipoperossidativa, scientificamente provata

i cosmeceutici Klamére proteggono la pelle sia dagli attacchi esterni ambientali, sia dalle tossine ingerite tramite un’alimentazione sbagliata.

Risultati immagini per dolori infiammatori

Ma l’azione più importante delle AFA-ficocianine è quella rigenerativa:

esse hanno una provata capacità di stimolare il rilascio e la migrazione nei tessuti dei fibroblasti, le specifiche cellule staminali della pelle, precursori fondamentali delle cellule  dermiche e cutanee.

Grazie all’estratto AphaMax®, i cosmeceutici Klamére attivano rapidamente la capacità della  cute di  auto-rigenerarsi.

trattamento lesioni cutanee

Tempo medio  del trattamento : 10 minuti

Protocolli di lavoro:

piede diabetico

trattamenti transdermici, nei dolori cronici, infiammazioni, spondilite, tunnel carpale, ginocchio, spalla e articolazioni 

e anche viso e corpo, anti-age, tonificanti, adiposità, cellulite, 

Il trattamento ha come obbiettivo quello di ristabilire un corretto drenaggio dei fluidi da parte del sistema linfatico , la riduzione degli accumuli di grasso presenti in una determinata area anatomica e la tonificazione.

Elettroporazione + EMS

Risultati immagini per viso acne

È con notevole effetto della nutrizione e della cura della pelle.

L’elettroporazione è un metodo di bellezza che può iniettare collagene e acido ialuronico nella pelle più profonda senza aghi.

Componenti macromolecolari come il collagene e l’acido ialuronico non sono facili da penetrare nello strato profondo della pelle, tuttavia, con questa speciale tecnologia chiamata “elettroporazione”.

Immagine correlata

è possibile ottenere un alto livello di efficacia senza alcun dolore, tramite EMS (stiramento elettrico ), unica corrente EMS stimola la pelle delicatamente a causare un movimento muscolare secondario che può far sentire la pelle turgida ed elastica, stimola l’ipoderma per ottenere l’effetto di attivare le cellule, stimolare la riduzione e la ricombinazione del collagene e rigenerare il nuovo collagene con  la pelle più soda, vigorosa ed elastica, migliora le rughe e la linea sottile della pelle, rinnova la pelle liscia, più luminosa, flessibile e chiara.

Risultati immagini per dolori infiammatori

“Mesoportation” è una combinazione di mesoterapia e radiofrequenza (radiofrequenza) che è ampiamente utilizzata come mesoterapia senza ago in Europa, raggiunge un alto livello! di penetrazione nella pelle.

È stato riportato che il mesoportation è un grado di penetrazione di circa 10 volte quello della ionostoresina convenzionale in 1mm di profondità della pelle e 27 volte in 4 mm, e ha un effetto sorprendente per lo sbiancamento e l’anti-invecchiamento.

Risultati immagini per viso pelle gambe sane

Attraverso l’energia elettrica RF tende a seguire la distanza più breve tra 2 coppie di elettrodi sonda.

Quando l’elettricità attraversa il tessuto vivente, l’alto flusso di energia genera calore come una caratteristica dell’alta frequenza e la resistenza all’elettricità da parte del tessuto vivente, quindi si sente caldo.

Terapia fotonica

Funziona in modo efficiente e stabile senza danneggiare la pelle utilizzando una speciale luce LED di bellezza sviluppata esclusivamente per la bellezza della pelle.

Ultrasuoni + nurse

Immagine correlata

Il massaggio sonico con vibrazione per la pelle può portare l’essenza, le creme di bellezza nel cuoio della pelle. assorbendo, attiva le cellule del viso e degli occhi.

Funzioni di ringiovanimento della pelle del fotone:

Luce Rossa: con lunghezza d’onda di 630 nm, sbianca e schiarisce le macchie, dona la pelle e disperde i vecchi segni, ripara la pelle danneggiata, rieduca le rughe sottili, stringe i pori e stimola la rigenerazione delle proteine del collagene e al matrice cellulare.

Luce Verde: con lunghezza d’onda di 525 nm, ha gli effetti della neutralizzazione, del bilanciamento, calma e sfiamma, può alleviare la stanchezza cronica, drenare la linfa e utile nell’eliminazione dell’edema.

Luce Blu: con lunghezza d’onda di 415 nm, diminuisce l’infiammazione, uccide i batteri e il propionibacterium acnes,  rimuovendo l’acne e le cicatrici. Eccetera.

by Klamère Nutrigea Prof. Scoglio candidato a Premio Nobel nella Ricerca nutraceutica. di principi nutrizionali wild.

Servizio: 1 trattamento personalizzato € 35,00

La salsa di rafano tedesco (barbaforte)

Agisce come un solvente e un depurativo sul muco in eccesso presente nell’organismo. Se usato con giudizio, come indicato, e mischiato solo con succo di limone, non irrita i reni, la vescica né le membrane mucose dell’apparato digerente. Oltre al fatto che gli eteri sciolgono il muco, la salsa di rafano ha anche proprietà diuretiche e fa bene soprattutto in caso di idropisia.

Noi non utilizziamo il succo di rafano tedesco, poiché i suoi eteri sono già sufficientemente potenti quando è finemente pestato o tritato (polverizzato).

L’effetto che si ottiene assumendo mezzo cucchiaino da caffè di rafano tedesco sminuzzato (polverizzato) ci lascerà un ricordo indelebile e scioglierà il muco presente nelle cavità nasali. E averlo provato in polvere vi lascerà talmente impressionati e liberi dal muco, che riuscirete a comprendere perché non lo si usa sotto forma di succo.

La polpa del rafano fresco sminuzzato mischiata immediatamente con succo di limone e presa due volte al giorno nella dose di ½ cucchiaino nell’intervallo tra i pasti, è efficace per sciogliere il muco. Questo avviene non solo nelle cavità nasali ma anche nel resto del corpo e senza danno per le membrane mucose.

Risultati immagini per rafano nero barbaforte

Agisce come un solvente e un depurativo sul muco in eccesso presente nell’organismo. Se usato con giudizio, come indicato, e mischiato solo con succo di limone, non irrita i reni, la vescica né le membrane mucose dell’apparato digerente. Oltre al fatto che gli eteri sciolgono il muco, la salsa di rafano ha anche proprietà diuretiche e fa bene soprattutto in caso di idropisia.

Questa salsa va preparata fresca e andrebbe usata entro una settimana dalla preparazione. Va conservata al fresco in una bottiglia o un contenitore chiusi; se lasciata a temperatura ambiente prima di usarla, aumenta l’efficacia. Va inumidita con succo di limone.

La salsa di rafano, quando assunta come vi abbiamo suggerito, ½ cucchiaino la mattina e ½ nel pomeriggio ogni giorno, potrebbe in un primo momento provocare un forte eccesso di lacrimazione, a seconda di quanto muco è fermo nelle cavità nasali e in altre parti dell’organismo. Ad eccezione del succo di limone, nient’altro vi andrebbe mischiato e per un po’ non si dovrebbe bere niente dopo avere mangiato la salsa.

L'immagine può contenere: una o più persone e primo piano

Tale procedura può essere osservata per settimane o mesi, fino a che la salsa non viene mangiata senza avvertire alcuna reazione. Allora vorrà dire che il muco si è completamente sciolto. Per il muco nasale questa salsa si è rivelata un efficace strumento naturale per rimuovere anche la causa di questo fastidio.

Di norma, i migliori risultati si ottengono quando si mischia il succo di 2 o 3 limoni con 125 ml di rafano polverizzato, dando alla miscela la consistenza di una salsa.

Succhi freschi di frutta e verdura byDottorNormanW.Walker

Patologie autoimmuni

Quando la quantità di questi antigeni è elevata, gli anticorpi IgA e le Cellule M si saturano, permettendo che altri antigeni attraversino la mucosa intestinale passando tra le giunzioni infracellulari.

Patologie autoimmuni

In condizioni sono normali, solo pochi antigeni alimentari riescono superare la parete intestinale e vengono subito neutralizzati. Se la quantità di questi antigeni elevata, le cellule dell’immunità aspecifica, i mastociti e le IgM immature, si saturano permettendo che altri antigeni attraversino la mucosa intestinale provocando una elevata risposta anticorpale.

Quando questi antigeni sono anche allergeni tramite il torrente circolatorio arriveranno alle mucose della vie respiratorie e alla cute, zone corporee ricche di anticorpi specifici, le IgE. Queste, andandosi a legare ai mastociti he hanno riconosciuto l’antigene, provocheranno la liberazione di mediatori chimici.

Quando la quantità di questi antigeni è elevata, gli anticorpi IgA e le Cellule M si saturano, permettendo che altri antigeni attraversino la mucosa intestinale passando tra le giunzioni infracellulari. Parte di questi antigeni viene bloccata dagli anticorpi IgG e IgM; un’altra parte stimola la produzione di anticorpi IgE in situ, e ciò che resta entra nel sangue ed arriva nel fegato.

Immagine correlata

A questo punto le cellule di Kuppfer del fegato, ovvero dei macrofagi specializzati, cercano di neutralizzarli, ma se anche questa barriera viene superata, gli antigeni alimentari riescono ad entrare in circolo e possono raggiungere delle sedi distanti, quali la cute o la mucosa nasale e polmonare dove sono presenti numerosi mastociti.

La reazione dei mastociti provoca la liberazione di mediatori chimici, tra cui l’istamina, con scatenamento di una reazione allergica che può manifestarsi come asma, orticaria, dermatite o rinite.

Tra i mediatori vi sono anche fattori chemiotattici che richiamano nella zona altri globuli bianchi (Eosinofili, Neutrofili e Basofili) responsabili della reazione tardiva che spesso si può osservare nelle manifestazioni allergiche e che può avvenire da 4 ore dopo, fino al giorno seguente, al momento in cui è stato riconosciuto l’antigene in gioco.

Alcune proteine animali, specie quelle del maiale, sono assai simili a quelle del corpo umano. Se alcune di queste proteine non completamente digerite riescono a superare la barriera creata dalla mucosa intestinale sotto forma di peptidi, questi attivano una risposta anticorpale.

Data la loro natura ammino acidica, possono accumularsi presso zone di proteine dei tessuti a loro simili.

Siccome le cellule considerate “nemiche” sono assai simili a quelle dell’area in cui sono state localizzate, vi è il rischio che gli anticorpi inizino a colpire anche quelle di quell’area, ovvero dello stesso corpo a cui appartiene, dando così origine ad una malattia autoimmune.

(Prof. Paolo Mainardi)

dal libro: Alla Ricerca dell’Una Medicina

Klamin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/klamin/

AlgoZym

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/algozym/

Dmg Gold

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/dmg-gold/

InfiVin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/infiavin/

 

Eucalipto

Si sconsiglia l’uso sotto gli attacchi asmatici ed enfisema.

Eucalipto (Eucalyptus globulus)

Parti utilizzate: olio essenziale di foglie.

L’OE d’eucalipto fa parte di numerosi farmaci e prodotti dolciari (caramelle).

La foglia di Eucalipto contiene in grande quantità oli essenziali, con efficaci proprietà antisettiche verificate sperimentalmente su Staphylococcus, Pseudomories al., Bacillus subtilis, Enterococcus subtilis ed Escherichia Coli.

Le foglie essiccate contengono dall’1 all’8% di oli essenziali, il cui maggiore costituente è il Cineolo (o Eucalipto), ma sono presenti anche tannini, terpineni e flavonoidi (rutina, quercetina, iperoside).

Questi oli vengono eliminati tramite i polmoni ed agiscono in modo ideale sulle vie respiratorie. L’Eucalipto è anche ipoglicemico e benefico in caso di disturbi reumatici; calma l’asma.

Risultati immagini per eucalipto olio es

Modalità d’uso: infuso di 1-2 cucchiaini da tè di foglie secche sminuzzate per una tazza d’acqua bollente, coprire, lasciare in infusione per 10 minuti, filtrare.

Dose : massimo 2 tazze al giorno.

Si usa in OE per inalazioni (OE lavanda 1g OE pino 2g, OE timo 2g, OE eucalipto 4g, più 150 g d’alcool 90°, 10 gocce per mezzo litro d’acqua bollente per un periodo di 10-15 minuti.) per sinusiti, bronchiti, raffreddori e influenze. (g = goccia) o MicroDose. (meglio di qualsiasi Aerosol) aggiungere per bocca un del di Ribes Nero se presente congestione e Serplus complex a livello intestinare.

Si trova anche negli unguenti e pomate (uso esterno) per portare sollievo nelle malattie dell’apparato respiratorio.

Benefici anche i bagno nell’eucalipto (una manciata in un telo di lino o cotone, immergere per qualche minuto in acqua bollente e quindi versare nell’acqua del bagno.)

Si consiglia l’uso d’OE prevalentemente per uso esterno, non avendo le barriere cellulari, penetra velocemente, senza danneggiare le mucose gastriche e intestinali.

Si sconsiglia l’uso sotto gli attacchi asmatici ed enfisema.

Altre proprietà: febbrifugo, vermifugo. Antisettico, soprattutto delle vie respiratorie e delle vie urinarie:

si usa nella bronchite acuta e cronica, influenza, polmoniti, TBC polmonare, asma, tosse, colibacillosi, malaria, tifo, sangue nelle urine (ematuria), nel morbillo e scarlattina, ottimo nel diabete (ipoglicemizzante) e altre disfunzioni pancreatiche, per reumatismo ed emicranie, vermifugo per ascaridi e ossiuri, astenie ed emicranie, per bambini non per uso perlinguale.

Per uso esterno battericida, parassiticida, cicatrizzante, allontana le zanzare.

BroncoVin

https://www.rimedifitoterapici.it/?s=broncoVin

TossVin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/tossvin/

Il naso, le sue malattie o ciò che non vogliamo sentire …

Le malattie del naso ci parleranno della nostra paura di lasciar entrare in noi le dimensioni «sottili» della vita, sia nei nostri confronti che nei confronti degli altri. È il rapporto con l’intimità, con l’accettazione delle informazioni intime di noi stessi o dell’altro.

Il naso è l’orifizio attraverso il quale l’aria penetra nel nostro corpo e per mezzo del quale percepiamo gli odori, ossia ciò che emana dal mondo manifesto. Grazie ad esso possiamo odorare. È associato al Principio del Metallo, di cui è il senso principale. Noi respiriamo con il naso, mediante il quale lasciamo entrare in noi l’energia dell’aria, del soffio (Cielo).

Il suo livello di assimilazione delle energie è quindi più «sottile» rispetto a quello della bocca che permette di assimilare il livello «materiale» della vita. Il naso è tuttavia in intima connessione con la bocca, perché l’odorato è strettamente unito al gusto, al quale conferisce «volume» e colorazione. La combinazione gusto/ odorato è importante tanto quanto quella di entrambi gli occhi.

Le malattie del naso ci parleranno della nostra paura di lasciar entrare in noi le dimensioni «sottili» della vita, sia nei nostri confronti che nei confronti degli altri. È il rapporto con l’intimità, con l’accettazione delle informazioni intime di noi stessi o dell’altro.

Ciò ci permette di comprendere meglio ad esempio il ruolo così importante svolto dagli odori nella sessualità, vegetale, animale o umana. Sinusite, naso chiuso, perdita dell’odorato sono segni della nostra difficoltà ad accettare i messaggi, le informazioni (intime) che ci riguardano e che ci giungono.

Non «le possiamo sentire», non ci piacciono perché «hanno un cattivo odore».

Ora, che cosa «odora di cattivo»? Gli escrementi, la materia in putrefazione e non certo i fiori! Che cosa ha un cattivo odore nella nostra vita, cosa c’è di marcio o sta marcendo dentro di noi? Tutte domande da porsi e da mettere in relazione con i nostri atteggiamenti o con ciò che «coltiviamo» in noi o nel rapporto con l’altro, domande relative al valore che attribuiamo alle cose.

Ogni volta che diciamo di una persona «non posso stare a sentirlo» o «non posso vederlo», proviamo a pensare all’effetto specchio e riflettiamo cercando di capire qual è la parte di noi stessi che non vogliamo sentire o vedere, e giungeremo alla risposta.

Questi problemi di odore o di assenza di odore esprimono senza dubbio anche rancori, amarezze o desideri di vendetta che lasciamo maturare e/o marcire dentro di noi, manifestandoli come disagio o conflitto.

Possono infine significare che la nostra paura delle manifestazioni della vita e delle nostre animalità è grande, poichè la vita è anche la morte, gli escrementi, la putrefazione, sono sempre facce della stessa medaglia dove la dualità non esiste se non al nostro livello di conoscenza e Consapevolezza.

Questi ultimi ci risultano insopportabili perché ci basiamo su una nozione di valore. Ma non dobbiamo scordare troppo facilmente che la verdura e i fiori più belli crescono dove c’è letame o composte che la vita si nutre della morte, che non rappresenta una fine della vita, ma una transizione verso la vita.

(Michel Odoul modificato)

Rimedio Alchemico consigliato: http://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/clorofilla-alchemica/