Hyaluronic total body

Aiuta a rallentare la degenerazione delle cartilagini e ne promuove la ricostruzione:
Contribuisce alla formazione del collagene per la normale funzione
– dei vasi sanguigni
– delle ossa
– delle cartilagini
– della pelle

Mega novità per la cartilagine articolare, quando subisce un progressiva degenerazione legata all’età o alle attività sportive.
L’Hyaluronic Total Body Joint,
aiuta nel ripristino e prevenzione di una corretta funzionalità di ossa e cartilagini.

Aiuta a rallentare la degenerazione delle cartilagini e ne promuove la ricostruzione:
Contribuisce alla formazione del collagene per la normale funzione
– dei vasi sanguigni
– delle ossa
– delle cartilagini
– della pelle
– Facilita il ricambio cellulare, normalizzante della funzione del sistema immunitario
– Aiuta a proteggere le cellule dallo stress ossidativo.
– Riduce stanchezza, affaticamento, dolore e infiammazione.
– Senza glutine
– Senza lattosio

Conf. da 30 compresse.
Una compressa al dì.

Eleuterococco

consigliati per: dare tono all’organismo, migliorare il rendimento nello stato di esaurimento e debilitazione, o con deboli difese immunitarie.

Eleuterococco (Eleutherococcus senticosus. Acanthopanax senticosus Harms,)

Pianta tradizionale cinese, coltivata in Cina, Siberia, Mongolia, Tibet.

Parti utilizzate: radice.

Azione farmacologica: tonica, anti-depressiva, rilassante, immunostimolante. Come effetto simile al ginseng, d’utilità soprattutto per il mantenimento della salute.

Si consiglia di non assumere l’erba per un periodo superiore a 6 mesi, prima di assumerlo con altri farmaci, consultare il medico, anche se raramente ha causato disturbi o complicazioni.

Generalmente è consumato in forma di TM o in capsule. titolato allo 0,6% di eleutoroside E, metodo di determinazione HPLC, corrispondente a 1,4 mg di principi attivi pari ad una posologia di 5,6 mg/die di eleuteroside E.).

Fa parte inoltre di molti prodotti erboristici

consigliati per: dare tono all’organismo, migliorare il rendimento nello stato di esaurimento e debilitazione, o con deboli difese immunitarie.

Con particolare attività sui linfociti citotossici e cellule “natural killer” (Medizinisch – Molekularbiologische Forschungsgesellschaft mbH, Heidenberg, Germania, Flowcytometric studies with eleuterococcus senticosus extract as an immunomodulatory agent. Arzneimittel-Forschung 1987:37:1193-6)

Noto per: la sua attività adattogena, aumenta il rendimento fisico. Il meccanismo d’azione è ancora da chiarire, sembra che agisco sull’asse ipotalamo/ipofisi/ghiandole surrenali, si pensa che eleuterococco possa determinare una stimolazione della funzionalità corticosurrenalica in condizioni di moderato ipocorticosurrenalismo (Pearce PT et al. Endocrinology 1982;29:567).

Al Centro Russo di Addestramento: è stato dimostrato che l’assunzione di eleuterococco facilitava lo svolgimento dello stressante programma di addestramento, l’adattamento all’assenza di gravità ed il rigore del lavoro nello spazio (Gagarin JA- Adaption adaptogens 1977-2-128).

Tuttavia non deve: essere assunto con intenti “dopanti” da atleti professionisti, gli esperimenti hanno dato esiti negativi in questo senso. (Department of Health, Physical Education and Recreation, Old Dominion University, Norfolk, VA 23529-0196, USA. Effect of Eleuterococcus senticosus on submaximal and maximal ecercise performance. Medicine and Science in Sports and Exercise 1996:28:482-9)

Può agire anche: come leggero ipoglicemizzante, le foglie possono, in rari casi, provocare reazioni allergiche.

Si consiglia: anche nella prevenzione delle malattie da raffreddamento ed infettive (Adaption and Adaptogens, Galanova L.K. Far Eastern Sci, Centre SSSR Akad. Nauk, Vladivostok 1977) (All-Union Conference on Human Adaptation to different Conditions, Siberian Branch SSSR, Akad. Med. Scien.. Novosibirsk 1977).

Controindicazione dichiarate: ipertensione arteriosa. Studi condotti hanno evidenziato aumento significativo delle cellule linfocitarie di tipo T.

Posologia: estratto secco 2000-3000 mg al giorno. Si consiglia di assumere la droga al mattino o/e nel primo pomeriggio perché produce effetti di stimolazione centrale d’entità modesta.

Sconsigliato per: i soggetti ipertesi e bambini sotto i 12 anni d’età. Si consiglia di non assumere l’euterococco in modo continuativo, ma in cicli intervallati da una sospensione temporanea.

Rimedi Spagyrici Alchemici consigliati:

EnerVin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/enervin/

ImmunVin

https://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/immunovin/

 

Vitamina B12

Un’altra condizione è quella patologica di Anemia Perniciosa, malattia cronica provocata dal mancato assorbimento della vitamina B12, a sua volta dovuto alla mancanza o allo scorretto funzionamento del fattore intrinseco intestinale, che come abbiamo visto poco fa è indispensabile per poter mettere in riserva la vitamina.

Il suo nome scientifico è cobalamina, il nome deriva dalla presenza di cobalto nella sua struttura, svolge diverse funzioni fondamentali per il nostro organismo, e provoca degli scompensi nel caso in cui essa sia carente.

E’ una vitamina idrosolubile (solubile in acqua) che si degrada alla luce e che una volta assunta attraverso i cibi, nello stomaco si lega ad una proteina, detta FATTORE INTRINSECO, prodotta dalla mucosa gastrica, che permette di veicolare la vitamina nell’intestino tenue e di essere così assimilata.

In mancanza di questo fattore la vitamina B12 viene quasi completamente eliminata con le feci.

Esistono diverse forme di cobalamina a seconda di piccole differenze a livello strutturale e di composizione, la cianocobalamina, termine con cui si identifica comunemente la vitamina B12, rappresenta la forma più stabile, sotto cui viene commercializzata nei comuni farmaci ed integratori alimentari.

Dove possiamo trovarla?

La vitamina B12 può essere sintetizzata in natura solo da batteri, funghi e alghe. È presente, seppure in piccolissime quantità, in tutti gli alimenti di origine animale per l’accumulo delle quantità sintetizzate dai batteri. Il fegato ne è particolarmente ricco. Gli alimenti vegetali non contengono vitamina B12, salvo nel caso in cui siano stati contaminati da microrganismi.

Più specificatamente, possiamo trovare la vitamina B12 nella carne, nel pesce e nei prodotti di derivazione animale come il latte e le uova. Anche i cereali integrali contengono cianocobalamina.

Le sue proprietà

Agendo in sinergia con le altre vitamine del complesso B, la B12 è fondamentale per il buon funzionamento delle cellule nervose e dei globuli rossi. Inoltre è preziosa per sintetizzare il DNA, materiale genetico presente in ogni cellula.

Cosa può comportare un’eventuale carenza?

L’uomo è in grado, pur essendo una vitamina idrosolubile, di accumulare vitamina B12 in riserve importanti a livello epatico, riuscendo così a coprirne il fabbisogno.

  • In qualsiasi caso carenze di questo micronutriente sono osservabili soprattutto in specifiche condizioni, come ad esempio seguendo un regime alimentare vegetariano, o vegano, molto restrittivo; quindi privo di ogni alimento di origine animale, quasi unica sua fonte alimentare.
  • Un’altra condizione è quella patologica di Anemia Perniciosa, malattia cronica provocata dal mancato assorbimento della vitamina B12, a sua volta dovuto alla mancanza o allo scorretto funzionamento del fattore intrinseco intestinale, che come abbiamo visto poco fa è indispensabile per poter mettere in riserva la vitamina.
  • Un eccessivo consumo di alcol;
  • o una condizione squilibrata della flora batterica intestinale.
  • Infine anche l’utilizzo frequente di farmaci antiacidi per patologie gastriche può ridurre l’assorbimento del nutriente in questione.

A livello sintomatico una grave carenza di Cobalamina può provocare oltre all’anemia, stanchezza e debolezza muscolare; tremori e movimenti instabili. Addirittura un deficit di vitamina B12 può portare ad incontinenza, ipotensione (pressione bassa), problemi di vista, coronarici e di trombosi.

Conclusione

Con lo scopo di mantenere dei buoni livelli di questa vitamina è auspicabile consumare cibi che ne sono ricchi, come la carne, le uova, il pesce, e per chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana, integrare se possibile con un multivitaminico ben bilanciato.

E’ importante oltretutto mantenere in ottima condizione la nostra flora batterica, poiché assume un ruolo cruciale nell’assimilazione di tutte le sostanze che introduciamo attraverso il cibo.

Dott.ssa Carolina Capriolo

Winter 2000: http://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/winter-2000/

Alga Klamath : http://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/klamath-rw-max/

FloraZym : http://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/florazym/

Clorofilla: http://www.rimedifitoterapici.it/prodotto/clorofilla-alchemica/